| categoria: Cultura, società

Così il drongo fa il furbo e ruba il cibo agli altri uccelli

Il drongo codaforcuta è un uccello africano molto intelligente: riesce ad imitare i versi di allarme emessi da altri animali, in presenza di pericolo. Segnali che spingono i volatili ad allontanarsi dai nidi e ad abbandonare il cibo procacciato. Una tecnica, hanno scoperto ricercatori dell’Università di Città del Capo, che lo hanno studiato a lungo, che il drongo mette in atto anche in assenza di pericoli reali, con l’unico scopo di rubare e mangiare il cibo abbandonato. Questo uccello è così abile da imitare ben 32 segnali di pericolo , riuscendo ogni volta a darla a bere ai poveri volatili che volano via spaventati.

Un gruppo di ricercatori americani ha sequenziato il genoma dello Stafilococco aureo meticillino-resistente ed ha scoperto, come spiega in uno studio pubblicato su Pnas, che questo batterio, tra i più resistenti agli antibiotici, non solo è causa di infezioni ospedaliere, ma è anche molto diffuso nelle nostre case. Un suo particolare ceppo, chiamato USA 300, riferiscono gli scienziati, avrebbe colonizzato i quartieri di Manhattan e del Bronx, dove, negli ultimi anni, avrebbe scatenato infezioni della pelle e dei tessuti molli.

Secondo uno studio del Saint Michael Hospital di Toronto, condotto su più di 4mila bambini di 4 anni, sono sempre più frequenti problemi nei denti da latte, principalmente per carie, a causa della scarsa igiene orale e di un’alimentazione troppo ricca di zuccheri. Sembra, che solo l’1% dei bambini abbia fatto una visita dentistica nel primo anno di età e, poco meno del 2%, un controllo prima dei due anni. E’ un allarme che non riguarda solo i bimbi d’oltreoceano, ma anche quelli italiani. La raccomandazione della Società Italiana di Pediatria è di abituare i bambini a lavarsi i denti prima di coricarsi.

E’ allarme polio. A lanciarlo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha definito il ritorno di questa malattia, “un’emergenza di salute pubblica di livello internazionale”. Ad essere più colpiti il Pakistan, il Camerun e la Siria, definiti “paesi esportatori” dell’infezione: nei primi mesi del 2014 sono state infettate 117 persone in dieci paesi, con la maggioranza in Pakistan , mentre nel 2013 i casi totali sono stati 417 di cui il 60% esportati. Il comitato di emergenza istituito dall’OMS, raccomanda ai viaggiatori in uscita di vaccinarsi ed avere un certificato di immunizzazione. Il pericolo è che la malattia ritorni ad essere endemica nei paesi che l’hanno già eliminata.

Due studi condotti su topi, pubblicati su Nature Medicine e Science riferiscono che trasfusioni di sangue giovane rallentano il processo di invecchiamento con il ripristino della funzionalità dei muscoli, del cuore ed anche del cervello. L’effetto miracoloso sarebbe dovuto all’azione di una proteina chiamata GDF11, un fattore di crescita contenuto nel plasma che, infuso giornalmente dal topo giovane al topo più vecchio, ha dimostrato di migliorare, in quest’ultimo, il flusso sanguigno verso le cellule staminali neuronali inducendo la crescita di nuovi neuroni olfattivi. Questa scoperta fa di GDF11 un valido regolatore molecolare del processo d’invecchiamento con potenziali e importanti applicazioni terapeutiche.

E’ stato appena inaugurato il nuovo rivelatore di raggi cosmici dell’INFN installato sotto la stazione Toledo della metropolitana di Napoli, a 40 metri di profondità. L’iniziativa, promossa dal Comune di Napoli ha l’obiettivo di avvicinare i migliaia di passeggeri che ogni giorno transitano a Toledo ai segreti del cosmo. Il rivelatore è un telescopio che “vede” particelle invisibili, i raggi cosmici, che arrivano sulla Terra da ogni parte dell’Universo e che l’occhio elettronico rende visibili al pubblico, accendendo fotorivelatori a cui sono collegati i led che sprigionano lampi di luce al passaggio di ogni singola particella.

Rita Lena

Ti potrebbero interessare anche:

UNIVERSITA'/ Il grido di dolore della studentessa della Sapienza, 'siamo disposti a un autentico sfo...
WEB/ La vita che finisce continua su Internet, arriva il 'memorial' digitale
Ritratto Isabella d'Este di Leonardo sequestrato in Svizzera
CAMPIELLO/ Balzano, dalla miseria si scappa sempre
Ferrara, a otto anni inventa la parola "petaloso": la Crusca approva il neologismo
Scarsa conoscenza dell'inglese, per 40% italiani ha fatto perdere opportunità di lavoro



wordpress stat