| categoria: sanità

La Regione Sicilia vara il nuovo 118, totalmente informatizzato

La Regione siciliana avvia il nuovo 118 regionale con l’adozione di un sistema telematico integrato (progetto Sti-Sues 118) e di uno informativo (progetto Si-Sues 118). Il progetto è stato definito da Sicilia e Servizi, che ha sviluppato la componente software e che si è avvalsa per la parte infrastrutturale telematica della collaborazione di Telecom Italia Spa. Ha una copertura regionale e prevede un sistema informativo per la gestione del processo operativo; quattro centrali operative a Palermo, Catania, Messina e Caltanissetta; 180 sedi periferiche distribuite su tutto il territorio siciliano, comprese le strutture sanitarie che erogano le prestazioni sanitarie; un sistema per la gestione degli audiolesi. «Con l’avvio del nuovo sistema informativo del 118 la Regione siciliana – dicono l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, e l’amministratore di Sicilia e Servizi, Antonio Ingroia, si dota di una nuova tecnologia nell’ambito del percorso avviato di sviluppo e ammodernamento del Servizio sanitario regionale, che vede nell’informatizzazione un investimento ineludibile ed essenziale per garantire la sicurezza e la tracciabilità dei percorsi sanitari e l’attivazione delle risorse a beneficio dei cittadini e degli operatori. Per Ingroia l’evoluzione tecnologica operata è »epocale«. Grazie al nuovo sistema sarà possibile utilizzare »le più moderne e performanti centrali telefoniche digitali, molto più efficienti, versatili ed affidabili delle vecchie centrali analogiche. Ciò consentirà un enorme aumento della affidabilità di tutto il sistema 118, in termini di livello di servizio reso, che si concretizza nella totale impossibilità che vengano perse chiamate, nella completa ridondanza di tutti gli elementi attivi del sistema con una drastica riduzione dei potenziali possibili guasti«.

Ti potrebbero interessare anche:

Medici ai raggi X, crescono i privati e calano i dottori di famiglia
Ci sta per cadere addosso l'emergenza Opg. E non siamo pronti
Pressing della Lega al ministro: stop ai massaggi fai-da-te in spiaggia
FARMACI/ Conad lancia raccolta di firme, fascia C con ricetta in parafarmacie
Alzheimer: 600mila malati in Italia, 11 miliardi per le cure
‘Dopo di noi’/ Dalla Regione Veneto le indicazioni alle Asl per le persone con disabilità grave



wordpress stat