| categoria: attualità

Pronte buste (con gli 80 euro) per 786mila statali

Sono pronte le buste paga per i dipendenti pubblici con il bonus di 80 euro previsto dal dl Irpef. Lo annuncia il Tesoro spiegando che le buste paga più sostanziose riguarderanno 785.979 lavoratori pubblici ai quali il ministero prepara i cedolini del 27 maggio. Per evidenziare l’importo è previsto un apposito spazio nella busta paga.

Il Mef – spiega una nota – attraverso il Dipartimento dell’Amministrazione Generale (Dag) ha elaborato le buste paga del mese di maggio per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che affidano allo stesso ministero dell’Economia il pagamento delle retribuzioni, calcolando e attribuendo ai beneficiari il credito previsto dal decreto legge 66/2014 sulla riduzione del cuneo fiscale. Il Dag gestisce l’erogazione degli stipendi per più di 1,5 milioni di dipendenti di numerose amministrazioni pubbliche, e tra questi 785.979 lavoratori a fine mese percepiranno l’incremento della retribuzione netta dovuto alla riduzione dell’Irpef, per un ammontare complessivo nel mese di 56.407.365 euro. Il beneficio pieno di 80 euro netti (che spetta a chi ha redditi annuali tra 8.000 e 24.000 euro lordi e lavora per l’intero anno) è stato calcolato per 618.523 dipendenti. L’importo del bonus per ciascun dipendente è evidenziato nel cedolino mensile nella sezione ‘Altri assegni’ in cui è stata inserita la voce ‘Credito art. 1 DL 66/14’. I cedolini saranno consultabili con le normali tempistiche e comunque per tutti entro il 23 maggio. Il Dag si occupa dell’elaborazione e pagamento dello stipendio dei dipendenti delle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato (Ministeri, Presidenza del Consiglio, Agenzie, ecc.) e di 74 altre amministrazioni pubbliche (si tratta per lo più di Enti Locali che hanno deciso di utilizzare i servizi del Mef). I beneficiari interessati sono una piccola parte del numero complessivo dei lavoratori che beneficeranno dell’intervento di riduzione del cuneo fiscale; tuttavia il Mef è tra i soggetti che elaborano singolarmente il maggior numero di cedolini e la predisposizione di quasi 800mila buste paga con il beneficio fiscale testimonia la fattibilità e l’efficacia del provvedimento, che potrà essere implementato tempestivamente tanto nel settore pubblico quanto nel settore privato.

Ti potrebbero interessare anche:

Vigilini privati per gli incidenti stradali? Che idea. E chi paga?
Ratzinger su Repubblica spiega all'ateo Odifreddi chi era Gesù
Dal necrologio alle pagine del ricordo: la commemorazione del defunto diventa social
Expo2015, il commissario Sala resta. "Fiducia tradita, ora riflettiamo sulla guida della societ...
Austria riapre i confini, ma non con l'Italia
Fauci: "C'è pericolo di seconda ondata ancora più grave"



wordpress stat