| categoria: Dall'interno

PAPA FRANCESCO E GLI STUDENTI/Giannini, una grande emozione come il primo giorno di scuola

Stefania Giannini

A tarda serata il ministro della Pubblica Istruzione, Stefania Giannini, parla ancora con commozione della giornata che si sta per chiudere e della sua esperienza in Piazza San Pietro con l’evento ‘We Carè, un incontro con la scuola italiana a cui ha preso parte Papa Francesco. «Per me è stata quasi una prima giornata di scuola – dice dai microfoni di Tv2000 nella trasmissione ‘La Chiesa per la scuolà, a cui ha preso parte insieme al segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino – e mi ha emozionato parlare di fronte al Santo Padre, ai tantissimi ragazzi e agli insegnanti che hanno dato testimonianze preziose». «Oggi si è respirata la voglia di ripartire dall’educazione, insomma è stata una grande emozione», spiega sorridente nel corso della trasmissione. Ma l’«emozione sincera», aveva già spiegato nel pomeriggio, era stata anche vedere «i tantissimi ragazzi nella splendida piazza San Pietro che da tutta Italia hanno partecipato in questa classe speciale per una lezione speciale». Nella stessa occasione il ministro ha anche rivolto un pensiero alle studentesse nigeriane rapite e alle tante ragazze cui è stata impedita l’esperienza della formazione«. Non senza ribadire a Papa Francesco quella »vicinanza e affetto« della scuola italiana, »già espresse dal presidente Napolitano«. Tornando al suo ruolo istituzionale e ai tanti spunti di miglioramento »appresi oggi in Piazza San Pietro«, il ministro questa sera a Tv2000 ha ricordato che »uno dei principi fondanti del processo di insegnamento e apprendimento è che ognuno deve sempre mettersi in discussione; e questo deve essere uno degli elementi costitutivi dell’essere insegnante e purtroppo questo in Italia non succede. Ciò indebolisce – ha sottolineato – la capacità di insegnare e questo i ragazzi lo riconoscono subito«. Alla trasmissione ha partecipato anche il segretario generale della Cei, Nunzio Galantino, che ha sottolineato l’importanza della scuola paritaria. »Questa fornisce un grosso aiuto allo stato italiano, con un costo che si aggira intorno ai 520 milioni, creando poi un valore sociale di circa 6,5 miliardi di euro»

Ti potrebbero interessare anche:

Incredibile, Ruby vuole protestare davanti al Palazzo di Giustizia
SCUOLA - È ancora bufera sulle selezioni per l'accesso ai corsi abilitanti TFA: i quiz viziati da er...
Nuova aggressione ad ambulanza, "Napoli è come Raqqa"
Bus turistici fuori dal Centro, rinvio al 2020?
Bimbi maltrattati,libere tre maestre
Cortina da tutto esaurito, addio S.Moritz



wordpress stat