| categoria: spettacoli & gossip

Giorgia live a Roma, è sempre emozione pura

La verve, il talento, la voce, la simpatia, sono sempre quelli. Ma l’emozione è quella di essere a Roma, sul palco «di casa», dove ci si capisce senza bisogno di spiegazioni. Giorgia è arrivata ieri sera al Palalottomatica, sold out, con il suo Senza Paura Tour. «Arrivi a Roma, ci tieni, il concerto. E poi vedo mì madre in prima fila e devo iniziare tutto un lavoro psico-emotivo», esordisce scherzando con il pubblico, coinvolgendolo, facendolo ballare ed emozionare. Come quando canta Marzo, dedicata all’ex fidanzato Alex Baroni scomparso nel 2002 in un incidente: un lungo, lunghissimo applauso alla fine dell’esecuzione, le mani che puntano il cielo e la commozione che non riesce a trattenere. Nei pochi intervalli parlati spiega che «il tour si chiama Senza paura, perchè il disco si chiama Senza Paura. Allora vuol dire che ho sconfitto tutto le mie paure? Ma de che! – ammette calcando l’accento romano per la gioia del pubblico che esplode -. Per niente è per questo che c’ho chiamato il disco». E poi dà la sua ricetta: «Antidoto alla paura è làanima». Il concerto scorre veloce, troppo veloce per i suoi fan che si godono due ore di musica e allegria, tra i nuovi brani e i vecchi successi. L’apertura è per Quando una stella seguita da Non mi ami, tratti dall’ultimo album. Ma poi c’è spazio per hit cantate a squarciagola come Come saprei, Girasole, Gocce di memoria. A metà concerto stupisce tutti, scende dal palco, attraversa la platea, che la accompagna in un lungo corridoio di flash, e sale su una postazione sotto le gradinate. Prende il telefonino di una ragazza che ha conquistato la posizione a poca distanza da lei e si riprende prima di restituirlo. Tra la gente intona un medley di 4 suoi pezzi: Nasceremo, Thelma & Luise, Infinite volte, Parlo con te. Un altro medley, scherzosamente intitolato «joke»: c’è Serenata Rap di Jovanotti, Strani amori di Laura Pausini e The rythm of the night. «Questo è quello che succedeva nel 1994 – spiega Giorgia -. Vediamo cosa facevo io in quell’anno». Ed ecco che intona E poi, il pezzo con cui si presentò tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo nel 1994. Con Io fra tanti, dall’ultimo album, saluta e ringrazia.

Ti potrebbero interessare anche:

Nozze Belen, il parroco rinuncia: 'troppo clamore'
Massimo Ranieri torna al Sistina con "Sogno e son desto"
Oprah Winfrey compie 60 anni e si regala una festa: invitati gli Obama e mezza Hollywood
Rolling Stones al Circo Massimo, emozione senza tempo
La Gruber sta male. Mentana: "Per qualche settimana non sarà con noi"
Il Grande Fratello squalifica Baye Dame: «Aggressioni gravissime»



wordpress stat