| categoria: In breve, Senza categoria

LAVORO/ Da crew a manager, 17500 dipendenti nei 480 McDonald’s italiani

Crew, hostess o steward, manager e direttore. Sono quattro le figure professionali che si trovano all’interno di un ristorante McDonald’s, ciascuna con ruoli e responsabilità diverse. Negli oltre 480 ristoranti McDonald’s in tutta Italia, lavorano 17.500 dipendenti che servono ogni giorno oltre 700.000 clienti. Le donne sono il 60% dei dipendenti totali e le direttrici rappresentano il 50% degli store manager. L’età media dei crew è di 30 anni e ben l’81% dei dipendenti ha un’età inferiore ai 35 anni. I lavoratori studenti sono il 32%. Il 94% dei dipendenti che lavorano da McDonald’s è assunto con una forma contrattuale stabile. Per offrire, soprattutto ai giovani, una concreta possibilità d’ingresso nel mondo del lavoro e di crescita professionale, McDonald’s ha lanciato il McItalia Job Tour, evento itinerante di selezione del personale per le nuove aperture in tutta Italia, nato a fine 2012 a seguito di un annuncio importante: creare 3.000 nuovi posti di lavoro in 100 nuovi ristoranti nel triennio 2013-2015. «Nel sistema McDonald’s il merito, le pari opportunità e la crescita professionale – si legge in una nota – sono pilastri fondamentali. Attraverso la formazione e il supporto costante chiunque può arrivare a ricoprire ruoli elevati, partendo dalle posizioni più operative per arrivare fino a quelle di maggiore responsabilità nazionale e internazionale. Studenti al primo impiego o mamme lavoratrici, cittadini stranieri o lavoratori in cerca di nuove sfide, a tutti sono offerte le medesime opportunità e gli stessi strumenti organizzativi, formativi e professionali». Il sito web www.mcdonalds.it/lavorare è il punto di riferimento per quanti vogliono candidarsi alle posizioni aperte in vista delle nuove aperture, in occasione delle quali chiunque fosse interessato e provenga dall’area geografica del nuovo ristorante può caricare sul sito il proprio cv. I candidati entrano così nel processo di selezione, che si svolge inizialmente online attraverso un questionario volto a valutare i requisiti base (disponibilità oraria, tipo di mansioni a cui si è interessati, area geografica di interesse etc). Ai candidati idonei viene richiesta la compilazione di un test comportamentale per verificare il loro orientamento al servizio e al cliente, attitudine fondamentale per entrare a far parte della squadra McDonald’s, e i candidati che superano il test vengono contattati e invitati ai colloqui individuali che si svolgono in occasione della tappa del McItalia Job Tour. Per lo svolgimento dei colloqui McDonald’s ‘si spostà per andare a raggiungere i candidati, allestendo un villaggio con spazi riservati ai colloqui e un’area informativa a disposizione di tutti in una piazza della località in cui sarà aperto il nuovo ristorante. Soltanto i candidati selezionati nella fase precedente potranno accedere ai colloqui e, in questa occasione, ottenere anche tutte le informazioni sull’azienda e sul lavoro da McDonald’s grazie alla presenza di crew, hostess e manager che già lavorano nei ristoranti del territorio, in un’occasione unica di totale trasparenza. I candidati prescelti verranno contattati dall’azienda nel giro di pochi giorni e verrà loro proposto un contratto, i cui dettagli verranno definiti direttamente con il candidato. E chi non dovesse superare le fasi previste dal processo di selezione viene comunque ricontattato da McDonald’s con l’invio di un feedback negativo. Questi candidati entrano a far parte del data base McDonald’s per eventuali successive esigenze di nuovo personale per ristoranti in apertura o per ristoranti già esistenti. (E McDonald’s punta sulla formazione per favorire lo sviluppo della carriera dei propri dipendenti. In pochi anni dall’ingresso nello staff di un ristorante è possibile diventarne direttore, per poi proseguire come supervisore di un gruppo di ristoranti o assumendo incarichi nella sede. McDonald’s offre periodici corsi di formazione, diversificati in base ai ruoli e alle posizioni occupate. Ogni membro dello staff dei ristoranti partecipa a un programma di training sul posto di lavoro. La formazione dei manager inizia con un programma di più settimane presso il ristorante e prosegue con diversi corsi di specializzazione; segue un piano d’azione finalizzato alla messa in pratica delle nozioni acquisite e, dopo un anno circa, un corso di approfondimento, durante il quale vengono trasmesse le nozioni essenziali legate al business e alla gestione del ristorante. L’ultimo livello di formazione riguarda la figura di direttore di ristorante, che ha l’obiettivo di rafforzare la leadership dei candidati, di promuovere lo sviluppo delle persone, delle vendite e del mercato. Il Master McDonald’s in Store Management è progettato e realizzato in collaborazione con l’Università degli studi di Parma. È rivolto a dipendenti McDonald’s che già ricoprono la carica di store manager, all’interno di ristoranti di proprietà della Company o in franchising, e su cui l’azienda intende investire in particolare. Infine, McDonald’s ha creato una vera e propria università, la McDonald’s Hamburger University, per formare manager e franchisee, che ha sede a Oak Brook nell’Illinois – quartier generale del Gruppo – e conta 30 docenti a tempo pieno. McDonald’s dispone di 10 strutture analoghe in altri Paesi del mondo, fra i quali Gran Bretagna, Giappone, Germania e Australia.

Ti potrebbero interessare anche:

Bonino, punti oscuri sul caso Ablyazov. Espelliamo l'ambasciatore kazako?
ROMA/ Municipio X, Bordoni: Marino esprime al meglio la condizione infima del Pd
Bastonate a 17enne davanti al falò ad Anzio, preso l'aggressore
MILANO/ Precipita dal quarto piano e muore nella residenza universitaria
Grasso, mi candido nel plurinominale a Roma e Palermo
JUNCKER VEDE KURZ. LA MERKEL SI PREPARA A TRATTARE



wordpress stat