| categoria: Roma e Lazio

Doppio menù a scuola a Pomezia, è polemica. Il sindaco è un grillino

“Faccio un appello contro quell’ ignobile scelta del Comune di Pomezia, che nega il dolce ai bambini più poveri. E’ una vergogna: il bambino con il papà che può permettersi una certa retta avrà il pasto completo con il dolce, l’altro avrà il vassoio senza il dolce. Ma io mi domando: dove andremo a finire…?”, ha detto il presidente della Regione Nicola Zingaretti. Ma non è così semplice e ancora una volta il governatore ha capito poco o niente. Dal prossimo anno scolastico nelle mense delle scuole materne ed elementari di Pomezia, comune laziale guidato dal sindaco del Movimento 5 Stelle Fabio Fucci, compariranno due menù: uno meno costoso (4 euro) ed uno più costoso (4,40 euro). A fare la differenza è il dolce alla fine del pasto. Discutibile? Se ne può parlare. Il sindaco M5S si difende: “La polemica sul doppio menù è solo elettorale. E’ stata una decisione presa con i rappresentanti dei genitori. Noi aiuteremo chi ha più bisogno, come già facciamo oggi. E’ stata una decisione presa insieme con le rappresentanze dei genitori e del bando se ne parla da mesi”, puntualizza.”Provvedimenti del genere vogliono trasformare la scuola dell’uguaglianza in una scuola delle differenze economiche e delle discriminazioni. Semplicemente assurdo!”, scrive sul suo profilo FB l’assessore alla Scuola di Roma Capitale Alessandra Cattoi. Anche lei non brilla per valutazioni troppo obiettive.
“Non conosco bene il caso, ma io sono per l’autonomia scolastica e non mi sembra una situazione di discriminazione”,commenta dal canto suo il ministro dell’istruzione Stefania Giannini. Di parere diverso Piero Fassino: “E’ corretto distinguere le rette tenendo conto del reddito delle famiglie, ma dare a un bambino un dolce e a un altro no è poco convincente. Si espongono i bambini alla stupida e avvilente situazione di chi lo riceve e chi no. Basta selezionare sulle tariffe, introdurre la selezione del dolce è ridicolo e umiliante per i bambini”. Ma siamo in campagna elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

Tessere "piene" e file n ei Municipi, caos a Roma
OPERA ROMA/ Abbagnato, c'è molto lavoro. Supererò la Scala
Allarme Confesercenti, è desertificazione: quasi tremila negozi chiusi
Concorso internazionale per nomina del nuovo Dc dell'Atac?
Dall'arena gratuita a zero eventi: piazza San Cosimato addio
Raccolta rifiuti flop e rischio dissesto: maxi-inchiesta su Ama



wordpress stat