| categoria: sanità Lazio

S.Filippo Neri, la protesta dei dipendenti contro la Lorenzin

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in occasione della visita di questa mattina all’ospedale S.Filippo Neri, è stata accolta dalla protesta dei lavoratori esternalizzati della sanità appartenenti a diverse cooperative: Nuova Sair, Fesica-Consal. «Temiamo tagli economici e strutturali del 50%» afferma Tullio Di Censo, uno dei lavoratori- «Ad oggi siamo 325 dipendenti ma si mormora che con i tagli al personale rimarranno in servizio soltanto 160 persone». Un’altra dipendente, Assunta Cavaliere aggiunge:« Temiamo anche una riduzione dell’orario di lavoro, all quale seguirebbe una riduzione del salario, da 800 a 400 euro al mese. Mi spiegassero come si fa a vivere con queste cifre, tra di noi ci sono anche famiglie monireddito con figli – conclude – Con le associazioni sindacali, Cgl,Cisl e Uil, abbiamo già fatto pressione sul presidente della regione Lazio,Nicola Zingaretti, ma non abbiamo avuto risposte. Con la protesta di oggi puntiamo a sensibilizzare il ministro e magari ad ottenere un incontro. Per ora siamo i stato di agitazione, ma non escludiamo di arrivare a uno sciopero». I dipendenti delle cooperative hanno organizzato un sit in all’ingresso dell’ospedale e alcune rappresentanze hanno seguito il ministro nel suo giro nei reparti, fino alla conferenza conclusiva tenuta dalla Lorenzin e dal Dg Lorenzo Sommella nell’aula multimediale del padiglione A alla presenza di medici e altri operatori sanitari.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Comitato per il San Raffaele in piazza venerdì con i sindacati
Idi senza tac e risonanza, la situazione non si sblocca
Regione, infondata la notizia dell'aumento del ticket per le prestazioni ambulatoriali
Minturno, l'ex ospedale perde anche il treno della casa della salute? Torna lo spettro della chiusur...
Sant’Andrea, si blocca il cup: caos tra i pazienti
Ospedale di Velletri, Mostarda incontra il Sindaco Pocci



wordpress stat