| categoria: politica

Alfano sfida il Cavaliere sul progetto di un centrodestra e tenta Forza Italia

Prove di un dialogo ‘impossibilè tra Nuovo Centrodestra e Forza Italia. La proposta di una coalizione popolare unitaria lanciata questa mattina a mezzo stampa dal leader di Ncd Angelino Alfano apre nuovi orizzonti a quella riorganizzazione alla quale i moderati sono ormai orientati dopo le delusioni elettorali delle Europee. E dopo le aperture, prudenti, di Silvio Berlusconi alla Lega di Matteo Salvini ecco che anche l’ex delfino del Cavaliere lancia, da una base politica di partenza più centrista, la propria ‘opà alla piramide moderata. Una proposta che tenta i cugini azzurri, segnati tra l’altro oggi dallo scontro tra Berlusconi e ‘mister preferenzà Raffaele Fitto. La proposta unitaria lanciata da Alfano nella sua intervista a ‘La Stampà, affascina e divide il partito azzurro, che risponde in ordine sparso. Anche se il consigliere politico del cav, Giovanni Toti apre a questa idea ( non abbiamo pregiudizi,dice), il capogruppo azzurro al Senato, Paolo Romani, se da un lato sottolinea come il dialogo con la Lega non nasconda una scelta lepenista da parte di FI, dall’altro concede solo una prudente apertura: «Ripartiamo dalle basi comuni che ci hanno sempre caratterizzato». Parole di certo condivise da un nutrito gruppo di colleghi, da Osvaldo Napoli ad Altero Matteoli che, tuttavia, pone in rilievo un punto che si preannuncia dirimente per il futuro dialogo: la contraddizione tra la costruzione di un centrodestra unito e l’appartenenza di Ncd al governo di Matteo Renzi. Un’appartenenza che anche Fratelli d’Italia vede come ostacolo insormontabile ad una futura alleanza. Mentre, all’interno di FI, è Maurizio Gasparri a farsi portavoce dell’ala più scettica di fronte all’invito dell’ex alleato. «Alfano sogna praterie ma manca ancora un nuovo ‘Davidè», è il niet del senatore. Le fibrillazioni, del resto, non si esauriscono al rapporto tra FI e Ncd. È l’intero centrodestra ad essere in fermento, dentro e fuori i partiti. All’interno di Forza Italia scoppia infatti il caso Fitto, con il neoparlamentare europeo che in una lettera aperta risponde alla bacchettata di Berlusconi – «basta con gli sterili dibattiti sulle primarie a mezzo stampa» – sottolineando la sua lealtà e rivendicando con chiarezza di essere una «risorsa» laddove il problema è chi insinua falsità. Mosse si preannunciano anche tra le file di Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni che apre al dialogo con la Lega su alcuni temi chiave come legalità, giustizia e sovranità, e preannuncia un incontro con Salvini. Tra le altre formazioni moderate tiene invece banco un progetto di unificazione che potrebbe avere i suoi frutti già la prossima settimana, quella dei gruppi parlamentari di Ncd, Udc e Popolari. Un’unione che renderebbe corposa e certamente più incisiva la ‘gambà moderata del governo, con una quarantina di senatori pronti a far sentire la propria voce anche nelle commissioni. Ma anche su questa prova di alleanza i nodi da sciogliere non mancano, come quello della scelta degli eventuali nuovi capigruppo, che potrebbe anche toccare a chi, come i Popolari, è rimasto quasi all’asciutto con la formazione del nuovo esecutivo. Popolari che, sull’ipotesi di unire il centrodestra sono tuttavia ancora divisi. «Unire i moderati per battere Renzi non ci interessa. A chi pensa a un percorso comune centrodestra diciamo buona fortuna», è la chiusura del capogruppo PI alla camera Lorenzo Dellai. Da qui la possibilità che con il ricompattamento delle formazioni del centrodestra, qualcuno – una «piccola minoranza», suggeriscono fonti di Ncd – potrebbe anche rispondere a quell’invito di Matteo Renzi a formare un ‘partito della nazionè. A testimonianza di come il trionfo del Pd sia destinato a rimodellare l’intero panorama politico italiano.

Ti potrebbero interessare anche:

Letta a Madrid, ora task force per l'occupazione, non è un match con la Merkel
Alfano, stop ai saccheggi o divieto di accesso al centro di Roma
Diffamazione, bavaglio per i giornali anche online: multe fino a 50 mila euro
Rai, Campo Dall'Orto nuovo Dg. Grillo contro la Maggioni: "Ha affossato RaiNews24"
Salvini choc sugli attentati di Parigi: "Le stragi a volte servono"
Ministri a cinque stelle, Di Maio lancia un generale dei CC



wordpress stat