| categoria: esteri, Senza categoria

Jihadista francese arrestato per la strage di Bruxelles

Un francese armato di kalashnikov e di una pistola è stato arrestato a Marsiglia per la strage del museo ebraico di Bruxelles. Si chiama Mehdi Nemmouche e sarebbe stato in Siria nel 2013 con dei jihadisti. L’uomo, secondo fonti degli inquirenti, è il sospetto della strage del 24 maggio, quando quattro persone furono uccise nel Museo ebraico di Bruxelles. Il francese ha 29 anni ed è originario di Roubaix, nel nord. Sarebbe stato schedato come seguace della jihad islamica in Siria dai servizi interni francesi (DGSI). Venerdì, si apprende, è stato posto in stato di fermo per omicidio plurimo in collegamento con un’impresa terroristica. È stato arrestato alla stazione ferroviaria marsigliese di Saint-Charles dai servizi doganali, che l’hanno trovato su un pullman proveniente da Amsterdam e Bruxelles. Aveva un fucile kalashnikov e una pistola con munizioni dello stesso tipo di quelli usati nella strage

Ti potrebbero interessare anche:

SOCHI/ Si alza il sipario delle gare, agli Usa il primo storico oro
ENOGASTRONOMIA/ Da pannocchie arrosto a gnocco fritto, al via il tour "Streetfood"
Usa e Cina negoziano un accordo per il controllo delle armi nel cyberspazio
Brexit, allarme di Cameron: il rischio è la nuova austerity
Trump accusato di molestie da due donne, la denuncia al New York Times
CINQUE STELLE/ Giarrusso molla la Lombardi



wordpress stat