| categoria: esteri, Senza categoria

Obama sfida Putin, un miliardo di dollari per la sicurezza dell’Est Europa

Obama sfida Putin, un miliardo di dollari per la sicurezza dell’Est Europa. E lo fa da Varsavia, guardando in faccia, da vicino, l”interlocutore (o l’avversario)
Nella prima tappa di un importante viaggio europeo, Barack Obama ha chiesto ai paesi europei di seguire l’esempio polacco e di rafforzare sia i bilanci militari che i contributi alla Nato. Un richiesta giunta con il buon esempio: Obama ha dato notizia di aver chiesto al Congresso lo stanziamento di un miliardo di dollari per rafforzare e ridistribuire gli schieramenti americani nell’Europa dell’Est mentre il presidente polacco Komorowski ha annunciato di aver chiesto al suo parlamento di portare al 2% del Pil le spese e gli stanziamenti di risorse da destinare al potenziamento militare. L’Italia tanto per fare un confronto ha uno stanziamento attorno all’1% del Pil.

Queste notizie hanno fatto da cornice molto concreta al messaggio centrale di questo tour europeo del Presidente americano: dare un messaggio chiaro alla Russia di Vladimir Putin che altre manifestazioni di violenza o annessioni territoriali al di fuori delle legittime procedure previste nei trattati internazionali non saranno tollerate: «Se necessario continueremo con le sanzioni – ha detto Obama – ricordo di quando il Presidente Momorowski mi parlo del suo sogno di libertà e di quanto fosse importante mantenerlo. Ebbene quel sogno deve continuare…lo dico proprio oggi, alla vigilia del 25esimo anniversario della liberazione polacca…».
Komorowski è stato a sua volta molto esplicito: «tutti noi paesi dell’Est Europa siamo sulla stessa posizione – ha detto -…Qualche cosa è cambiato ai confini orientali, prima con la Georgia qualche anno fa, ora con l’Ucraina. Perché Putin ha raddoppiato il suo bilancio militare? Tutti vogliamo che la Russia si modernizzi per sviluppare rapporti economici, ma oggi dobbiamo rispondere a questa situazione; dobbiamo appoggiare anche la modernizzaizone dell’Ucraina. Sono esempi importanti anche per il popolo russo. L’opinione pubblica russa dovrebbe essere dalla parte della modernizzazione del paese e non appoggiare le idee che puntano alla ricostituzione di un impero».

Negli incontri si e’ anche parlato di autonomia energetica e Obama nel pomeriggio durante il vertice per la solidarietà, che terrà con i paesi dell’Europa dell’Est farà proposte concrete anche su quel fronte.

Infine i rapporti di Obama con Putin, come sono? Ci sarà una stretta di mano in Normandia dove venerdì entrambi i leader parteciperanno alle celebrazioni del Settantesimo anniversario dello sbarco delle truppe alleate? «Abbiamo un rapporto professionale di lavoro – ha detto Obama confermando che fra i due non c’è alcun calore ne umano ne intellettuale – abbiamo parlato spesso e discusso della crisi. Abbiamo idee diverse. Sono certo che lo vedrò in Normandia e dobbiamo riconoscere quello che ha fatto la Russia nella seconda guerra mondiale». Sappiamo però che il presidente francese Francois Hollande terrà due cene separate, una con Putin l’altra con Obama per evitare un imbarazzo diplomatico. Possibile che le due cene possano diventare una e che si discuta di una soluzione alla crisi ucraina? Non c’è dubbio che Hollande ci proverà fino all’ultimo, ma sembra molto difficile che possa accadere davvero. Obama però, come sempre, ha tenuto aperta la porta del dialogo:«vogliamo che la Russia giochi il ruolo che le compete, noi non siamo interessati a aggressioni ma a collaborazioni: è l’unica strada per dare all’Europa quella stabilità che ha conquistato dopo gli anni della Guerra Fredda».

Ti potrebbero interessare anche:

Auto fuori strada sulla Pontina, muore ragazza nel giorno del suo compleanno
Pesa troppo e non può essere soccorsa, donna muore in casa
I gestori delle sale da ballo in rivolta: pronti a restituire le licenze
Bankitalia ottimista, il Pil sale, nel 2016 sarà sopra l'1,5%
CRISI/ In mani straniere il 51% delle spa quotate italiane
Usa, Obama revoca le facilitazioni per gli immigrati cubani



wordpress stat