| categoria: salute

Almeno 40mila italiani “under 18” hanno il diabete. Le “spie” per riconoscerlo

Il diabete non è solo una malattia da grandi. «Sono circa 40 mila i bambini e ragazzi italiani che fanno i conti con il diabete. Un problema che dovranno gestire per tutta la vita ma che per fortuna, oggi, non viene diagnosticato dopo un coma e la corsa in pronto soccorso, come invece accadeva qualche tempo fa». A fare il punto sulla malattia nella forma pediatrica è Marco Comaschi, past president dell’Associazione medici diabetologi (Amd), a margine del meeting dell’American Diabetics Association 2014, in corso a San Francisco. «La presenza di casi in famiglia aumenta il pericolo che un bimbo soffra di diabete, e se ad essere malato è un fratello, il rischio cresce del 50% – dice Comaschi all’Adnkronos Salute – Studi sui gemelli omozigoti indicano una concordanza del 100%: se uno è malato, lo sarà anche l’altro. Ma se prima a far scattare l’allarme erano gravi crisi ipoglicemiche, fino al coma diabetico, oggi i pediatri sono preparati e spesso intercettano le prime spie della malattia. Un test del sangue è sufficiente per avere la diagnosi». Ma quali sono i segni che dovrebbero allarmare i genitori? «Se il bimbo è svogliato, beve e urina più del solito, dimagrisce pur mangiando normalmente, è bene fare un controllo della glicemia», spiega il diabetologo.

Ti potrebbero interessare anche:

Troppo zucchero triplica il rischio di morte per malattie cardiovascolari
Ossigeno-ozono terapia contro 42 malattie, "regina" della prevenzione
Da zucca a kiwi su tavola anziani contro malanni autunnali
Ambiente e stile vita incidono per 70% sui tumori, 'non e' sfortuna'
Scoperta sostanza che spegne golosità per cibi ipercalorici
Lo sport fa bene anche ai cosiddetti 'guerrieri del weekend'



wordpress stat