| categoria: sanità Lazio

Sorpresa, il Lazio ha trecentomila abitanti in più. E i posti letto tagliati in eccesso?

Lo diceva Marrazzo, lo diceva la Polverini, lo ha detto e ripetuto anche Zingaretti: quando il ministero parametra dati e tagli della sanità nel lazio sbaglia i conti. Oggi il sottosegretario Del Rio ammette: la popolazione è aumentata, siamo 313 mila in più di quanto conteggiato nel 2012, dunque dovrà aumentare, di 400 milioni, la fetta delle risorse del fondo nazionale che spetteranno al Lazio. Questo consentirebbe di diminuire più rapidamente il disavanzo e dunque di uscire dal cappio del commissariamento che da molti anni grava sulla Regione. Tutti contenti, la crisi è superata? Macchè. Perché i dati sbagliati hanno portato anche a scelte sbagliate. «Attenzione però – osserva Massimo Magnanti, leder del sindacato Spes che riunisce i medici dei pronto soccorso – alla luce dei nuovi dati sulla popolazione possiamo dire che si sono anche tagliati troppi posti letto».

La notizia dei 313 mila cittadini laziali in più è stata ufficializzata ieri dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: «Si apre la possibilità di una svolta storica: nel riparto del fondo si avvicinano e concretizzano le possibilità per il Lazio di uscire presto dalla fase di commissariamento. È una bellissima notizia che aiuta questa fase di costruzione di una nuova sanità nel Lazio». Spiegano in Regione: dopo le verifiche effettuate dall’Anagrafe dei Comuni del Lazio, l’Istat ha potuto aggiornare i dati sulla popolazione residente del Lazio: certificano che al 31/12/2013 gli abitanti del Lazio erano 5.870.451, mentre quelli non aggiornati e registrati al 1 dicembre 2013 e utilizzati per definire la quota del fondo sanitario nazionale erano 5.557.276. «C’è una differenza di oltre 300mila abitanti che, in termini finanziari, si è tradotta in una sottostima delle risorse destinate al funzionamento del nostro sistema sanitario di circa 400 milioni di euro, considerato che la quota media per cittadino è di circa 1.600 euro. In base al nuovo dato della popolazione la quota percentuale del Lazio nel riparto del Fondo nazionale passa dall’attuale 9,30% al 9,69%».

Ti potrebbero interessare anche:

Licenziati due operatori, è bufera al Cem di via Ramazzini
SANITA'/Interrogazione Storace su ospedale Palombara Sabina
Chiuso al Ministero il tavolo sui Lea, riconosciuti 740 milioni alla Regione Lazio
Libera professione in ospedale, il San Giovanni "aggiorna"l'intramoenia
Ultimatum a Zingaretti, tra due settimane scatta la rivolta del Cup.
ALL’INI PER I RICOVERATI DACIA MARAINI E PIERA DEGLI ESPOSTI



wordpress stat