| categoria: sanità Lazio

Viterbo, anche a Belcolle il Dea di 2° livello?

Nel piano regionale di riorganizzazione sanitaria ancora non è stato messo nero su bianco, ma l’ospedale di Belcolle avrà un Dea di secondo livello.

Lo ha anticipato Enrico Panunzi, consigliere regionale Pd, che con il dipartimento di emergenza e accettazione superiore all’attuale diventerà un polo sanitario di riferimento per tutta l’area nord del Lazio, da Civitavecchia a Rieti. Il Piano operativo redatto dalla Regione per il ministero della Salute è infatti «un passaggio fondamentale per arrivare alla trasformazione in II livello.

«Anche il ripristino della neurochirurgia h24 è un passaggio inderogabile per rafforzare la qualità del servizio», aggiunge Panunzi. Che sottolinea come nei 748 posti letto da tagliare la Tuscia ha già dato «perché le macroaree con Zingaretti finiscono in soffitta: non faremo più la media con Roma. E questa è una bella inversione di tendenza».

E sul recupero del vecchio ospedale Panunzi condivide con Macchitella la priorità: «Sto lavorando perché la società proprietaria retroceda rispetto agli attuali canoni di cartolarizzazione. Inoltre, dobbiamo sbloccare il completamento di Belcolle».

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti rischia grosso sul bando dei Dg. Oltre ai ricorsi c'è il Tar
VITERBO/ Belcolle, la beffa delle nuove sale operatorie. Pronte ma chiuse
Asl Frosinone, il pasticcio di Zingaretti: arriva Macchitella come commissario?
DIETRO AI FATTI/ San Camillo fuori controllo, Zingaretti finge di non sapere
Asl Roma2, la rivoluzione è pronta: via reparti doppione, una Casa della Salute per distretto
Aggressioni in ospedale, dopo l'appello di Cisl Medici Lazio si muovono le Prefetture



wordpress stat