| categoria: Dall'interno

Cogne: perizia, dopo 12 anni non c’è rischio Franzoni uccida

“Dopo poco più di 12 anni dal fatto si può sostenere che non vi sia il rischio che si ripeta il figlicidio, come descritto nella sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Torino”. E’ un passaggio dell’integrazione della perizia psichiatrica-criminologica del professor Augusto Balloni su Annamaria Franzoni.
“Una tale costellazione di eventi – scrive Balloni, come riportato dall’edizione bolognese di Repubblica – oggi non è più riscontrabile”. Oggi se ne discuterà nell’udienza per la richiesta di detenzione domiciliare. Nei giorni scorsi, quando la perizia è stata depositata, era emerso che secondo l’elaborato di Balloni la donna condannata a 16 anni per l’omicidio del figlio Samuele possa essere “risocializzata” grazie ad una terapia e ai servizi sociali. Per la perizia Franzoni, infatti, “correrà rischi di incontrare difficoltà, frustrazioni, contrasti ambientali e altri avvenimenti che potranno incidere sul suo comportamento, che potrebbe caratterizzarsi per condotte devianti”. Ma ecco che la psicoterapia interviene per “rimuovere i disturbi esistenti e cambiare i comportamenti” e “neutralizzare i rischi di future condotte devianti e/o antigiuridiche e quindi la pericolosità sociale generica”.
ll sostituto procuratore generale Attilio Dardani ha dato parere contrario alla domanda di detenzione domiciliare speciale avanzata dalla difesa di Annamaria Franzoni. Lo hanno riferito i legali della donna, al termine dell’udienza alla Sorveglianza di Bologna.

Ti potrebbero interessare anche:

Non solo buoni pasto, le aziende pagano anche con sanità, bollette o libri
Venezia sfida la crisi, tra restauri e riqualificazioni
IMMIGRAZIONE/ Albergatore di Rimini, dai profughi 45mila euro al mese
MPS/ Chiuse le indagini a Milano, truccati bilanci per due miliardi
Il giornalista Luigi Necco picchiato e derubato: follia per un parcheggio
MALTEMPO/ I geologi: effetti devastanti nelle aree urbane



wordpress stat