| categoria: economia

Istat, sempre meno figli nel 2013. Toccato il minimo storico

L’Italia deve fare i conti ancora con il calo demografico. A testimoniarlo sono i dati diffusi giovedì 26 giugno dall’Istat riguardanti le stime riferite al 2013.
Per il quinto anno consecutivo, sottolinea l’Istituto di statistica, le nascite diminuiscono nel nostro paese, attestandosi a 514 mila nel 2013. Il numero medio di figli per donna scende da 1,42 nel 2012 a 1,39 nel 2013 mentre l’età media al parto sale a 31,5 anni. Circa l’80% delle nascite proviene da donne italiane mentre il restante 20% da donne straniere. La fecondità delle prime scende, tra il 2008 e il 2013, da 1,34 a 1,27 figli per donna ma diminuisce anche la fecondità delle donne immigrate: da 2,65 figli per donna a 2,20 nel medesimo periodo.

L’età media delle partorienti è 31,1 anni – Tali trasformazioni, spiega l’Istat, riguardano almeno quattro aspetti tra loro connessi: la propensione a procreare figli in età sempre più avanzata, la compressione e l’invecchiamento al suo interno della popolazione femminile in età feconda, il ruolo esercitato dalle donne immigrate e le differenze territoriali. Uno dei motori trainanti del recupero di fecondità registrato nel periodo 1995-2008 era stato, perlomeno per le cittadine italiane, lo spostamento in avanti dell’età media al parto, passata da 29,8 a 31,1 anni. Tale trasformazione ha accompagnato la transizione nelle età più feconde delle donne appartenenti alle generazioni nate negli anni del baby boom.

Sono stati 279mila nel 2013, contro i 321mila del 2012, gli ingressi dei cittadini stranieri in Italia: 42mila in meno. Crollano gli arrivi dalla Romania (-25% sul 2012) e dalla Cina (-12%). Nonostante il forte calo, la Romania si conferma tuttavia il principale Paese di provenienza, davanti a Marocco (19mila) e Cina (18mila). Stabili i flussi in arrivo dal Marocco (-0,8%), mentre aumentano quelli da Egitto (+15%) e Ucraina (+10%).

Cresce, invece, il numero di chi lascia l’Italia. Nel 2013 le emigrazioni sono state circa 126mila (2,1 per mille), contro le 106mila dell’anno precedente (1,8 per mille). Nel periodo 2008-2013, tra coloro che hanno abbandonato il Paese per una destinazione estera è raddoppiato sia il numero di residenti stranieri (da 22 a 44mila), che il numero di italiani (da 40 a 82mila). Aumenta la speranza di vita – A fine 2013, gli individui di 65 anni e oltre rappresentano il 21,4% del totale (21,2% nel 2012), risultando in ulteriore aumento, mentre i giovani fino a 14 anni di età scendono al 13,9% (dal 14% del 2012).

Aumenta la speranza di vita alla nascita, giunta nel 2013 a 79,8 anni per gli uomini e a 84,6 anni per le donne. A fine 2013, gli individui di 65 anni e oltre rappresentano il 21,4% del totale (21,2% nel 2012), risultando in ulteriore aumento, mentre i giovani fino a 14 anni di età scendono al 13,9% (dal 14% del 2012).

Ti potrebbero interessare anche:

Al via "Food24", il blog dedicato al made in Italy agroalimentare
L'Istat gela il governo, "effetto nullo della manovra per il 2015-2016"
Eurogruppo: "Italia attui misure efficaci" per correggere il deficit strutturale
La Grecia chiede l'estensione dei prestiti, la Ue media con Berlino
Confindustria, Boccia eletto presidente con l'87% dei sì
Istat: pressione fisco giù, scende anche deficit-pil



wordpress stat