| categoria: primo piano, Senza categoria

Obbligo del Pos per tutti, autonomi e imprese. Ma non c’è sanzione


Da domani le imprese e i lavoratori autonomi (elettricisti, falegnami, idraulici ecc.) saranno tenuti ad accettare i pagamenti superiori ai 30 euro anche attraverso le carte di debito, ovvero tramite Pos: secondo le stime realizzate dalla CGIA “su un campione significativo di istituti di credito italiani, un’azienda con 100.000 euro di ricavo annuo, con il POS, tra canone mensile, canone annuale e la percentuale di commissione sull’incasso, dovra’ sostenere una spesa media annua di 1.200 euro”. E’ il calcolo effettuato dalla Cgia di Mestre.
“Milioni di imprese – dice il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – che lavorano esclusivamente per altre imprese o per la Pubblica amministrazione saranno costrette a sostenere dei costi del tutto inutili. Si pensi agli autotrasportatori, alle imprese di costruzioni che lavorano per il pubblico, alle aziende metalmeccaniche, a quelle tessili, a quelle dell’abbigliamento o della calzatura che lavorano in subfornitura, alle imprese di pulizia che prestano servizio presso gli studi privati o negli enti pubblici, ai commercianti all’ingrosso. Tutte attivita’ che nella prassi quotidiana ricevono gia’ adesso pagamenti tracciabili”.

Ti potrebbero interessare anche:

MONTECITORIO/ La spending review targata cinque stelle: tagli per 42 milioni
Esibizione a sorpresa di Bocelli in una chiesa di Miami Beach
Alfano non basta, alta tensione nel Pdl. Ma la resa dei conti è rinviata
Eni, tangenti per i politici italiani". Scaroni: contro di me solo falsità
CAGLIARI/ Ikea apre entro l'estate con un progetto innovativo da quattro milioni
Arrestato il superlatitante di camorra Marco Di Lauro



wordpress stat