| categoria: Senza categoria, sport

Zeman, niente rivincite, il Cagliari si divertità

Niente «rivincite», Zdenek Zeman riparte dalla Sardegna con la filosofia di sempre, anzitutto far divertire. «Vogliamo costruire una squadra per far divertire i tifosi e dare emozioni» afferma il boemo alla sua prima uscita ufficiale da allenatore rossoblù. Al suo fianco il presidente Tommaso Giulini, subentrato da poco a Massimo Cellino e un’altra new entry, Stefano Filucchi, ex dirigente dell’Inter, fuori decine di tifosi entusiasti ad aspettarlo. Per il momento Zeman non si preoccupa troppo degli aspetti tecnici della squadra: «L’emergenza portieri? Qualcuno in porta andrà» minimizza. Ci pensa il presidente Tommaso Giulini a confortarlo annunciando l’acquisto dall’Atalanta di Simone Colombi. Zeman è sempre il solito: risposte secche, da dieci o venti parole, mai banali, molte pause e sguardi fulminanti. I tifosi sono già dalla sua parte ed è già Zemanmania. Stamani sono accorsi per salutarlo con sciarpe e bandieroni davanti all’ingresso dell’hotel della prima conferenza stampa. «Avevo raggiunto l’accordo con il Bologna – ammette candidamente Zeman – ma mi sono spaventato per la situazione societaria. A Cagliari c’e la nuova proprietà, c’è entusiasmo: una buona scelta anche per me». Zeman l’allenatore scelto dalla proprietà anche per tracciare un confine tra passato e futuro. E Zeman lo sa: «Il Cagliari è una squadra che ha fatto la serie A per tanto tempo. Ma ora sono cambiate tante cose: stiamo parlando di presidenti completamente diversi». Il presente? Parte dalle scelte sui giocatori da tenere o lasciare andare. Per Daniele Conti la scelta è già fatta: lo aveva conosciuto da ragazzino ai tempi della Roma (prima volta) e lo ritrova ora a 34 anni. «Aveva già grande personalità sin da giovanissimo, sarà ancora leader, anche se qualche espulsione se la potrebbe evitare». Astori? «Non esistono incedibili – taglia corto – È un giocatore importante e ha richieste importanti. Saremmo contenti se rimanesse con noi, ma non vogliamo tarpare le ali a chi ha prospettive». Quanto a Cossu: «Lo conosco dai tempi del Verona, è un giocatore che ha fatto sicuramente bene. Bisogna vedere quali motivazioni ha». Il passato alla Roma sembra archiviato: «Non cerco rivincite, cerco di fare bene. E poi perchè rivincite? La squadra in quella stagione aveva raggiunto la finale di Coppa Italia, a detta di molti giocava il miglior calcio del torneo, aveva battuto tante grandi. Sono stati valorizzati tanti giovani». De Rossi: «Mi chiedete se io ho sofferto lui? Forse lui ha sofferto me». Inevitabile parlare di Nazionale. «Chi metterei alla guida della Figc? Chi ama il calcio e non i soldi. E comunque chi vuole cambiare qualcosa». E difende Balotelli dopo il flop mondiale: «Mi dispiace per quello che sta succedendo: prima era tutto incentrato su di lui. Poi ha sbagliato, ma con lui ha sbagliato tutta la squadra. La colpa non è solo sua». Sa già che le leggende sarde non si toccano. Giulini racconta di un riavvicinamento tra Cagliari e Riva. «Per me è stato un idolo» dice Zeman. E a chi gli dice che sembra Scopigno dell’anno scudetto risponde: «Un bel personaggio». Motivo in più per far sognare tutta l’isola.

Ti potrebbero interessare anche:

CARO ESTINTO/ In Italia solo 110 luoghi dedicati alle cerimonie funebri laiche: inaugurata la prima ...
Conte da Cremona a Tavecchio: resto Ct, piaccia o no
Bus e metro a rischio giovedì, lo sciopero rovina il Natale di Roma
MIGRANTI/ A piedi tra le montagne, ma la Svizzera li respinge
Procura di Trani nel mirino Csm."Indagini condizionate da soggetti esterni"
Meldola, padre spara e uccide la figlia disabile



wordpress stat