| categoria: In breve, Latina, Senza categoria

CUSANEIDE/ Sequestro albergo, Cusani non si presenta in tribunale


Tanto per essere informati sulle vicende dell’ex presidente della Provincia di Latina Armando Cusani. L’Ente non esiste più, è finito, l’Europa si è dimostrato un sogno abortito, i processi che Cusani si trova a dover affrontare sono diversi e tutti spigolosi. Lui svicola, si nasconde nell’angolo, difeso e consigliato dai principi del foro di Latina. Ad esempio non andranno in Procura per essere ascoltat, lui e il suocero Erasmo Chinappi, comproprietari dell’hotel ‘Grotta di Tiberio’ di Sperlonga, dopo il sequestro bis della struttura per l’ipotesi di lottizzazione abusiva ed il ‘niet’ del Riesame alla riapertura: nei giorni scorsi sono stati destinatari di un mandato di comparizione in Procura.Mandato che però non avrà alcun seguito concreto: attesi per giovedì dal pubblico ministero titolare delle indagini, Giuseppe Miliano, Cusani e Chinappi non si presenteranno. Cosa pienamente nelle loro facoltà, e comunicata ufficialmente in via Ezio con un fax inviato martedìm mattina.Una decisione figlia di una precisa strategia suggerita dagli avvocati Pierluigi Avallone e Luigi Antonio Panella. E che si spiega molto semplicemente: una volta davanti a Miliano, avvalendosi della facoltà di non rispondere, com’è nelle intenzioni, i comproprietari dell’hotel farebbero scena muta. Particolare che, per loro, rende appunto inutile la trasferta. Intanto, nelle pieghe del sequestro spunta un caso curioso: delle case all’apparenza prigioniere. Si tratta di alcuni immobili la cui unica via d’accesso è il piazzale antistante l’albergo. Quando l’ex unico proprietario vendette, l’hotel venne acquistato da Cusani ed il suocero, la manciata di case da altri privati. I quali, finora, hanno sempre goduto della servitù di passaggio. Nella mattinata dello scorso 28 giugno uno dei proprietari delle abitazioni, Antonio S., residente nel Napoletano, non ha potuto accedervi come ha tranquillamente fatto negli ultimi 34 anni.All’atto di entrare nel piazzale per recarsi nella propria casa delle vacanze, si è infatti trovato la strada sbarrata dal custode giudiziario, con quest’ultimo che, adducendo a motivazione l’avvenuto sequestro, ha vietato all’altro il passaggio. Respinto causa sigilli, insomma. Il malcapitato ha rinunciato al week end ma non alla denuncia per l’abuso subito. Altre grane per Cusani

Ti potrebbero interessare anche:

TEATRO/ Con "Apriti cielo" Ficarra e Picone tornano a calcare le scene
Da Miss Italia allo spaccio di droga. Modella in manette
Renzi a sorpresa guida il dialogo con M5S: ragioniamo
CARITAS/ Terra Santa, a Gerusalemme est anche la droga è un'arma
Referendum, Grillo: "Il fronte del Sì serial killer dei nostri figli". Renzi: "E' in ...
Grappoli 'extralarge' nei vigneti del Piacentino



wordpress stat