| categoria: In breve

SCHEDA/ Con Vallisa sono quattro gli italiani rapiti nel mondo

Il sequestro di Marco Vallisa, tecnico italiano in Libia irreperibile da ieri mattina, fa salire a quattro il numero degli italiani sequestrati in varie zone del mondo. Oltre a Vallisa si sono perse le tracce anche di Giovanni Lo Porto, Padre Dall’Oglio e Gianluca Salviato. * Da oltre due anni non si hanno notizie del cooperante GIOVANNI LO PORTO: 38 anni, palermitano, fu sequestrato in Pakistan il 19 gennaio 2012, insieme a un collega tedesco, a Qasim Bela, nella provincia del Punjab, dove lavorava per la ong tedesca Welt HungerHilfe (Aiuto alla fame nel mondo) alla ricostruzione dell’area messa in ginocchio dalle inondazioni del 2011. * Nel luglio dello scorso anno è scomparso in Siria padre PAOLO DALL’OGLIO, 59 anni, gesuita romano che per trent’anni, e fino alla sua espulsione nell’estate 2012, ha vissuto e lavorato nel suo Paese d’adozione in nome del dialogo islamo-cristiano. Tempo addietro era stata diffusa l’ennesima notizia, non confermata, che padre dall’Oglio era stato ucciso dai miliziani qaedisti. Attivisti locali hanno poi smentito, affermando che ‘Abuna Paolò è prigioniero ma ancora vivo. * Il 22 marzo scorso si sono perse le tracce in Libia del tecnico GIANLUCA SALVIATO, 48 anni, originario della provincia di Venezia, impiegato da alcuni anni per la Ravanelli di Venzone (Udine), società che opera nel settore della costruzioni. L’uomo è stato rapito nella Cirenaica e c’è apprensione per la sua sorte in quanto soffre di diabete e ha bisogno dell’insulina.

Ti potrebbero interessare anche:

SPAGNA/ Batosta per l'Infanta, il fisco le contesta 700 milioni
Nucleare, fonti iraniane: passi avanti nel dialogo con Usa
Manifesti di Belen pericolosi per il traffico, a Milano ne chiedono la rimozione
Campari pronta a offerta da un miliardo su Grand Marnier
Cioccolato nero dalle 1000 virtu', è anche doping naturale per gli sportivi
CENTRI SOCIALI: ANFP, NORME AD HOC PER MANIFESTANTI ARMATI



wordpress stat