| categoria: litorale, Senza categoria

Fiumicino, la schiuma invade la spiaggia. Allarme inquinamento?

Una coltre bianca ha coperto un lungo tratto di spiaggia di Fiumicino, a ponente del Porto-Canale nel quale sfocia il Tevere e non distante da Fiumara Grande. La Capitaneria di Porto ha allertato l’Arpa-Lazio per le analisi sull’inquietante fenomeno
Immagini impressionanti quelle riprese con il cellulare da Stefano Fochetti, un bagnante sulla spiaggia dello stabilimento “Queen Mary”, disteso su lungomare della Salute a Fiumicino. Un tappeto di schiuma è stato scaricato sull’arenile dal mare in burrasca e l’effetto prodotto è di quelli apocalittici. La spuma bianca e soffice ricopre quasi tutto lo spazio tra gli ombrelloni chiusi e la spiaggia deserta per il maltempo. “Non m’era mai successo di imbattermi in questo fenomeno: lo spettacolo era davvero inquietante – racconta l’autore del video, testimone dell’episodio – Non c’erano odori particolari e a occhio il fronte occupato dal tappeto di schiuma era di più di una cinquantina di metri ma di notevole profondità”.

Il punto in cui si è manifestata l’onda schiumosa è a metà strada tra i due sbocchi a mare del Tevere, tra il Porto-canale e Fiumara Grande. Il paradosso forte è che il nome di quel lungomare, intitolato alla Salute, stride con la visione che tutto fa pensare meno che a un benessere da parte del mare e del suo ambiente. Verosimilmente si tratta dell’effetto dei saponi disciolti nel Tevere e del loro impatto con le correnti del mare di libeccio. Già tre settimane fa sulle rive di Ostia si erano formate distese di schiuma di minore consistenza ed estensione.

La Capitaneria di Porto, appreso della vicenda e visionate le immagini, ha informato immediatamente l’Arpa Lazio, l’agenzia regionale che si occupa delle rilevazioni riguardanti l’inquinamento. “Dovrebbe trattarsi dell’effetto dei tensioattivi contenuti nei saponi riversati dal Tevere che, scontrandosi con le correnti del mare agitato, determinano quel fenomeno – sottolinea il comandante Lorenzo Savarese – Attendiamo la conferma da parte dei tecnici dell’Arpa Lazio. In ogni caso, già dopo qualche ora sulla spiaggia non c’era più traccia della coltre di schiuma”. ““Ho chiesto ad Arpa e Asl di attivarsi immediatamente, effettuando tutte le analisi del caso, per capire quali siano le origini del fenomeno – aggiunge il sindaco, Esterino Montino – È importante, infatti, scongiurare qualsiasi rischio per la salute e l’incolumità di bagnanti e cittadini di Fiumicino, oltre che fenomeni di inquinamento che danneggino l’ambiente”.

Ti potrebbero interessare anche:

FISCO/ Frode Iva, la Finanza sequestra a Cagliari nove aerei privati
Il debutto di Marina (Berlusconi): se si vota tocca a lei
CIVITAVECCHIA/Fa discutere l'inceneritore per armi chimiche
Agguato in casa nel Napoletano, uccisi due fratelli
CINEMA/ Aldo, Giovanni e Giacomo, film più rosa e green
OPG/ Tempo scaduto, il ministero "commissaria" il Veneto



wordpress stat