| categoria: Dall'interno

TENDENZE/ Cremo mio marito e ci faccio un anello

L’ultima tendenza funebre sbarcata anche a Roma è cremare i congiunti e – grazie alla tecnologia svizzera – e realizzarci anelli e monili. Il costo: fino a 20mila euro per chi non vuole proprio rinunciare agli amati. Neppure da morti

Bernardo de Sol

Il matrimonio è la tomba dell’amore? Bugie! L’amore passa attraverso la tomba, anzi dall’urna. L’ultimo “grido” in fatto di gioielli è un diamante insolito e quanto mai prezioso, se non unico: un brillante composto con le ceneri del caro estinto. D’altronde in Italia le cremazioni sono in aumento. Secondo gli ultimi dati Istat , infatti, nel corso del 2012 le incinerazioni sono cresciute del 15% (un aumento di 13.300) rispetto all’anno precedente, si sono registrate 101.842 cremazioni di feretri, contro le 88.542 del 2011, e le 76.868 del 2010 a dimostrazione di un trend in continua salita.

E allora basta con il solito vaso di ceneri che, da tradizione cinematografica, disgraziatamente cade in terra e finisce impietosamente per essere utilizzato dal gatto come lettiera. Addio al lancio delle ceneri, magari controvento, da qualche promontorio sperduto. La nuova frontiera dell’amore “eterno” si porta al dito, oppure al collo, questione di gusti. L’idea è della Algordanza, un gruppo internazionale svizzero, presente in oltre venti Paesi del mondo, la cui sede principale a Coira nei Grigioni, che è riesce a trasformare le ceneri in veri diamanti. Algordanza attraverso i resti del defunto o solo con i capelli (ne servono almeno dieci grammi) riesce a riprodurre pietre che hanno tutte le proprietà fisiche, chimiche e naturali di brillanti acquistati nelle migliori gioiellerie di Place Vendôme e Faubourg Saint-Honoré. Il costo rispecchia la veridicità del prodotto, si va da un minimo di 2.600 euro fino ad un massimo di 20.000. Il prezzo oscilla in base modello: si può scegliere infatti tra taglio brillante, smeraldo, Asscher, Princess, radiant, baguette, ovale e cuore, , che richiede un ulteriore sovrapprezzo di 500 euro. Più ci si avvicina al carato più sale la fattura, ça va sans dire.

Il “diamante della memoria” si distingue per le sue sfumature tendenti al blu, un colore dovuto essenzialmente alla presenze del boro, elemento chimico contenuto nel corpo umano e quindi nelle ceneri e nei capelli. La Algordanza alla consegna del prodotto rilascia un certificato di autenticità, al cliente invece si chiede si chiede di assicurare . Insomma riconvertire un brillante taglio champagne in salma al momento appare complicato.

In Italia la nuova frontiera dell’amore eterno era fino ad ora ignota al grande pubblico, a farla conoscere ai più è stata la Taffo funeral service, una società che dai primi del ‘900 opera nel settore delle pompe funebri nel Centro Italia e che ha da qualche giorno lanciato una divertente, quando macabra, campagna pubblicitaroa dedicata all’offerta della cremazione “diamond”. Il claim, ideato dall’agenzia di comunicazione Peyote adv, e che sta facendo il giro dei social network è più che mai accattivante: “Stavolta tuo marito non potrà dirti di no…”. Il visual è quello di una signora che, dopo aver aspettato tutta la vita, mostra sorridente il suo anello di diamanti al dito. Insomma meglio tardi che mai, d’altronde “un diamante è per sempre”, con buona pace, eterna, dei signori mariti.

Piccola nota a margine, donne, in caso non amaste in gioielli e preferiste l’arte potreste sempre fare delle ceneri di vostro marito un quadro. Apri pista di questa nuova arte è Adam Brown un pittore americano, originario del Missouri che, per celebrare la memoria dei defunti, realizza quadri con le loro ceneri. Un attività che lo rende super impegnato, per occuparsi dei ritratti funerari ha lasciato il suo precedente lavoro così da concentrarsi a tempo pieno su questa nuova occupazione. Per un dipinto ci vogliono dalle 4 alle 8 ore, Oceano permettendo, il costo anche è ammortizzabile per un ritratto si può spendere dai 300 ai 700 dollari. Sempre che si abbia voglia di vedere il proprio marito appeso al muro per sempre. O quasi.

Area degli allegati

Visualizza anteprima allegato taffo.JPG

taffo.JPG

Ti potrebbero interessare anche:

REGGIO CALABRIA/Sequestrati 215 chili di cocaina nel porto di Gioia Tauro
L'INCIDENTE/ Due aerei si scontrano in volo ad Alba Adriatica, morto un pilota
Lituano ucciso a Livorno, accoltellato davanti a casa
Ilaria Alpi: aperto un fascicolo su gestione falso testimone
Crac Cirio: Cassazione conferma 4 anni a Geronzi. Nuovo processo per Cragnotti
Cucchi, altri due carabinieri indagati



wordpress stat