| categoria: In breve

Concordia, con il maltempo il relitto navigherà vicino alla costa

Se durante il viaggio verso Genova il mare e il vento dovessero alzarsi e mettere in pericolo la navigazione del corteo funebre che accompagna la nave al suo funerale, la Concordia metterà la prua verso la costa toscana per navigare in acque più tranquille. Per la prima volta dall’inizio delle operazioni di galleggiamento, Costa rivela pubblicamente che c’è un piano B in caso le cose non dovessero andare come previsto. In realtà non è Costa a rivelarlo, ma il comandante del rimorchiatore oceanico olandese Blizzard, vale a dire uno dei due mezzi che trainerà la nave ma soprattutto quello sotto cui ricade la responsabilità dell’intero convoglio. «Ho già rimorchiato una nave grande come la Concordia – premette il comandante Hans Bosch – non so come si comporterà ma alla velocità massima di due nodi e mezzo l’ora sarà ben tranquilla dietro di noi». Però, aggiunge a scanso di equivoci, «il tratto tra la Corsica e Genova è la parte più lunga del viaggio, anche se due giorni di rimorchio non sono un problema . È chiaro dunque che monitoreremo con estrema attenzione il meteo e se c’è qualcosa è ovvio che staremo vicino alla costa, dove ci sono porti come Livorno e La Spezia».. Il problema è proprio il meteo: nessuna previsione è infatti attendibile al cento per cento con cinque giorni di anticipo. Dunque l’unica possibilità è quella di partire e sperare che le ipotesi si trasformino in certezze. Ma se così non fosse, bisogna avere una soluzione alternativa poichè la Concordia, nonostante gli sforzi degli ingegneri, è pur sempre un relitto sostenuto da 30 cassoni d’acciaio pieni d’aria che non potrebbe certo affrontare venti troppo forti e onde alte più di due metri e mezzo. Ecco allora il piano B: qualora le condizioni meteo peggiorassero, invece che andare a nord, passato il dito della Corsica la Concordia punterebbe ad est, verso le coste al confine tra la Toscana e la Liguria, per mettersi al sicuro. Il che non significa, ha subito precisato Costa, che ci sia l’ipotesi di una sosta, seppur temporanea, in un porto intermedio quale potrebbe essere Livorno o La Spezia. Anche perchè nessuno di questi sarebbe in grado di accoglierla poichè la nave ha un pescaggio di 18,5 metri che in navigazione diventeranno 20. «In caso di problemi meteorologici – ha confermato uno dei responsabili del progetto, l’ingegner Sergio Girotto – il convoglio si porterà vicino a terra. Sarà una navigazione a ridosso ma non c’è alcuna possibilità di un ingresso nei porti». Problemi in ogni caso che verranno affrontati più avanti, quando la nave avrà finalmente lasciato il Giglio. Perchè al momento l’attenzione dei tecnici si è concentrata su altri due aspetti: gli ultimi 6,3 metri di nave che devono ancora riemergere (7 e mezzo sono invece già fuori dall’acqua) e, soprattutto, lo sversamento di sostanze oleose che c’è stato nella tarda serata di ieri. Si tratta, ha spiegato l’ingegner Franco Porcellacchia, di 50 litri d’olio che sono stati «prontamente rimossi» con le panne assorbenti. «Sono incidenti che possono succedere – ha aggiunto – L’olio era probabilmente imprigionato in una sacca sotto il ponte 5 che, quando questo è riemerso e si è abbassato il livello dell’acqua all’interno, si è liberata». Un problema che, a detta del presidente dell’Osservatorio di monitoraggio ambientale Maria Sargentini, non ha creato particolare allarmismo: «Si tratta di criticità che potrebbero anche ripetersi visto che la nave sta cambiando assetto e posizione. Criticità che si sono già verificate più volte in questi anni e che sono state risolte. In ogni caso non c’è nulla di particolarmente critico o preoccupante». I risultati delle analisi effettuate oggi diranno se la prima impressione è quella giusta. Ma quel che conta, dicono i tecnici, è che lo sversamento non era collegato ad una falla nello scafo o ad un problema strutturale della nave. Perchè in quel caso non solo non si sarebbe esaurito in poco tempo ma avrebbe messo a serio rischio l’intero progetto di rimozione. Ancora un giorno, dunque, e la Concordia partirà: il convoglio che la scorterà sarà composto da 14 mezzi, oltre a due motovedette e nave Diciotti, l’ammiraglia della Guardia Costiera arrivata oggi davanti al Giglio. Spetterà a lei il controllo della zona rossa di tre miglia tutta attorno alla nave, affinchè l’ultimo viaggio sia davvero l’ultimo.

Ti potrebbero interessare anche:

Laboccetta (Fi), esposto in Procura su auto e cellulare di servizio di De Magistris
CINEMA/ Attacco hacker a Sony, nel bottino anche la sceneggiatura del nuovo "007"
Legambiente premia Ponza e Sperlonga, Terracina torna a galla
Latina, nominati tre sub-commissari che affiancheranno Barbato
Nasce il club delle gelaterie amiche dei cicloturisti
SCONTRO BOSCHI-BIANCOFIORE PER VOTO SUDTIROLESE



wordpress stat