| categoria: politica

Prof lesbica, Giannini determinata: se è stata discriminata saremo severi

Il ministro della Pubblica Istruzione, Stefania Giannini

Contro le discriminazioni massima severità. Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, interviene sulla vicenda dell’insegnante alla quale non sarebbe stato rinnovato il contratto, perchè lesbica, da parte di una scuola religiosa paritaria di Trento. Il dicastero «valuterà il caso con la massima rapidità e con un confronto chiaro e doveroso con le parti coinvolte. In queste ore – ha informato il ministro – sto raccogliendo gli elementi utili a comprenderne tutti gli aspetti. Laddove ci trovassimo di fronte a un caso legato a una discriminazione di tipo sessuale agiremo con la dovuta severità». Il condizionale è ancora d’obbligo perchè i contorni della vicenda non sono del tutto chiari. Inizialmente i vertici dell’istituto hanno addotto ragioni economiche, poi la superiora dell’Istituto Sacro Cuore di Trento, madre Eugenia Libratore, ha spiegato di avere parlato con la professoressa, «cercando solo un dialogo per capire se avesse un problema personale» e di essere stata fraintesa nelle intenzioni. Giustificazioni che non hanno affatto placato le polemiche. Tante le prese di posizione, con una considerazione condivisa da parecchi: i soldi pubblici non possono andare a chi discrimina. «Mi pare del tutto logico che una scuola cattolica, con i suoi principi, che non sono i miei, possa avere fatto una scelta di questo tipo. Il punto non è però quello che può decidere o meno una scuola privata, ma che – ha commentato il presidente del Comitato laici del Trentino, Mauro Bondi – il pubblico non può finanziare una scuola che discrimina e va contro la Costituzione». «Ci dissociamo in modo chiaro e assoluto da qualsiasi comportamento discriminatorio che possa ledere la dignità umana in tutti i suoi aspetti», ha affermato il presidente del Comitato regionale Forza Italia Trentino Alto Adige, Enrico Lillo. E il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, ha assicurato: «Se il motivo della mancata conferma in servizio della professoressa fosse da ricondurre a motivazioni attinenti l’orientamento sessuale della stessa, è evidente che ci sarebbe la necessità di un immediato approfondimento da parte della Provincia». Dura la reazione del Pd. «Mi auguro che la decisione possa essere rivista», «la natura religiosa dell’ente, una volta che il comportamento non si presta a censure, non può giustificare una decisione discriminatoria», ha dichiarato il senatore Giorgio Pagliari, mentre il sottosegretario alle Riforme, Ivan Scalfarotto, ha sottolineato la necessità di un «supplemento di riflessione sul tema dell’omofobia nel nostro Paese e sull’indifferibilità di una legge che condanni le forme più odiose dell’intolleranza e della discriminazione». «Il licenziamento – chiede il segretario generale della Flc-Cgil, Mimmo Pantaleo – deve essere revocato e in quell’istituto devono essere ripristinati i diritti civili e sociali. In caso contrario oltre alle iniziative legali chiederemo di revocare i finanziamenti pubblici». La scorsa settimana il ministro Giannini ha incontrato un gruppo di Associazioni Lgbt proprio per parlare di contrasto alle discriminazioni nei confronti delle diversità con particolare riguardo al tema dell’omofobia.

Ti potrebbero interessare anche:

Braccio di ferro Letta-Alfano, i ministri resteranno in panchina, lontani da piazze e tv
Proposto un taglio del 20% alle multe pagate subito. Il governo frena
Letta al G8 cerca una sponda da Obama sull'emergenza occupazione
Pronto il decreto salva-regioni, sospiro di sollievo per il Piemonte
I grillini non amano la Tav ma stanno ai patti: si farà
Di Maio, entro un anno stop alle aperture la domenica



wordpress stat