| categoria: Cultura

MOSTRE/ L’antica Stabiae rivive nella reggia mai vista

Quello che resta dello splendido carro di Villa Arianna, con le grandi ruote metalliche annerite dal fuoco, lacerti di affreschi preziosi, statue, anfore, oltre a vasellame, lucerne e altri oggetti di uso quotidiano. La vita dell’antica Stabiae, distrutta nel 79 d.C. dalla stessa eruzione che cancellò Pompei, rivive in una mostra allestita fino al 30 settembre nel Palazzo Reale di Quisisana. In tutto quaranta reperti, conservati per decenni nei locali dell’Antiquarium di Castellammare chiuso dal 1997, che tornano finalmente a disposizione del pubblico grazie a un progetto condiviso dal comune di Castellammare e Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia. E l’occasione è duplice perchè anche la magnifica Reggia di Quisisana, quattrocentesco complesso borbonico con ottomila metri quadrati di stanze circondate da un parco secolare, è di fatto una novità per il pubblico. Abbandonato per decenni, saccheggiato e poi danneggiato dal terremoto del 1980, il grande palazzo prediletto dai sovrani di Napoli è stato restaurato dalla soprintendenza con otto anni di lavori finanziati con 20 milioni di euro di fondi Cipe. Secondo il progetto avrebbe dovuto accogliere musei, una scuola di restauro e altre attività culturali. Pronto dal 2009, non era mai stato aperto. Ora però si riparte e la mostra è di fatto una prova generale in questo senso. Grazie ad un accordo con il comune di Castellammare che è proprietario dell’immobile, la soprintendenza, spiega ail soprintendente Massimo Osanna, avrà in comodato una parte della Reggia dove verrà finalmente allestito (dando finalmente soddisfazione ad un progetto che si accarezza da più di 50 anni) il Museo di Stabia. Ma non solo: altri locali del palazzo offriranno una nuova sede ai depositi per l’Antiquarium e agli uffici della locale soprintendenza da anni costretti in prefabricato. Intitolata ‘Dal buio alla lucè la rassegna espone reperti scavati nelle ricche ville romane di ‘otium’ che sorgevano nella collina di Varano, dove sorgeva l’antica Stabiae che come Pompei ed Ercolano, venne cancellata dall’eruzione del Vesuvio. Tra vasi arcaici, sculture e affreschi mai visti, un’attenzione a parte merita il carro di Villa Arianna: ritrovato nel 1981 insieme ad un altro carro e allo scheletro di un cavallo durante i lavori di scavo condotti nella villa, è uno dei rari mezzi di trasporto rinvenuti nell’area vesuviana e conserva buona parte della struttura metallica. Restaurato su progetto dell’architetto Luciano Rega è forse l’esemplare più completo di veicolo a quattro ruote del mondo romano. Tra le meraviglie esposte anche un monumentale labrum, enorme bacile di marmo alabastrino, e una statua di pastore, simbolo della eponima villa stabiana. Splendidi gli affreschi dove si riconoscono le figure di Pilade, dal bellissimo volto, e Ippolito avvolto nel mantello rosso. Ma ci sono anche attrezzi agricoli in bronzo e recipienti in ceramica dalla villa rustica di Carmiano e alcuni stucchi da Villa Petraro, tutti materiali che arrivano dall’ex Antiquarium. Allestita in collaborazione con l’Ente Parco regionale dei monti Lattari e sponsorizzata dalla Medi, la mostra si può visitare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14. L’ingresso è libero

Ti potrebbero interessare anche:

COSTUMI/ Gli italiani amano usare il cellulare alla guida: lo fa il 12,4%
SCIENZA/ Arriva la prima mappa interattiva del cervello umano
FIERE/ 'Hobby Show': in scena la creatività femminile
CAMPIELLO/ Galli della Loggia presidente della 54/ma edizione
Sarcofagi e mummie nel museo 'italiano' di Beirut
1968, il canone della sovversione



wordpress stat