| categoria: Roma e Lazio

DIETRO LE QUINTE/ Quella buccia di banana sulla strada di D’Ausilio

Francesco D'Ausilio

C’era una volta la responsabilità politica. Quella per cui, dopo un errore pesante, ci si dimetteva dalla propria carica. Oggi no: non è più così. Per molti casi, così come per quello scoppiato nei giorni scorsi in Campidoglio, dove la maggioranza di centrosinistra è riuscita a bocciare la delibera sull’Imposta unica comunale (Iuc), propedeutica al Bilancio previsionale 2014. Restano in sella sia il capogruppo del Pd, Francesco D’Ausilio, sia il coordinatore d’area e collega di partito, Fabrizio Panecaldo.

Non importa che il provvedimento sia stato rispedito al mittente, quel sindaco Ignazio Marino che vuole accelerare nell’approvazione della manovra economica di palazzo Senatorio. Basta una giustificazione, alquanto debole (“l’errore tecnico”), e tutto torna come prima. Nessun retroscena sullo sgambetto al chirurgo-dem, quindi la linea resta quella: “Scusate, abbiamo sbagliato”. Eppure c’è qualcuno che il dietro le quinte lo vede lo stesso. E rivela che in realtà lo scherzetto sia stato giocato non contro il primo cittadino, bensì contro il presidente dei democrat in aula Giulio Cesare.

Una buccia di banana messa sul cammino di D’Ausilio, per fargli pagare le barricate erette contro le nomine Acea dello scorso aprile. I profili non piacevano a lui e a una parte del Pd: il capogruppo provò a guidare la rivolta, che però fallì. Così l’ala che non voleva mettersi di traverso sugli incarichi nella partecipata di Acqua ed energia, potrebbe aver pensato che la vendetta era un piatto da consumare più che freddo: dalla primavera all’estate, armati di molta pazienza. Senza pensare che il danno avrebbe potuto pagarlo la città di Roma. La responsabilità, infatti, resta ormai una perfetta sconosciuta.
Giovanni Santoro

di Giovanni Santoro

Ti potrebbero interessare anche:

CITTA'METROPOLITANE/ Lista Marchini, non abbiamo partecipato a consultazione truffa
Maxirissa aTermini, carabinieri assediati nell'auto da 15 immigrati: cinque arresti
Movida violenta, donne a rischio. Lunga scia di aggressioni
Gelo Zingaretti-Raggi sull'agenzia del farmaco
RAGGI, PRESTO 227 NUOVI BUS IN CITTÀ
Rifiuti Roma: Ama, nessuno stop a gara nuovi cassonetti, soltanto differita di qualche settimana



wordpress stat