| categoria: turismo

Riaprono con le guide siti minerari della Sardegna

I siti di Porto Flavia, Galleria Henry, Grotta di Santa Barbara, Miniera di Funtana Raminosa, Miniera di Sos Enattos e Galleria Anglosarda di Montevecchio, chiusi per i problemi finanziari dell’Igea, saranno riaperti al pubblico nel corso dell’estate grazie a intervento finanziario del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna.
A partire dal mese di agosto con 50mila euro stanziati dal Parco verranno attivate le guide turistiche che si occuperanno di accompagnare i visitatori e raccontare la storia di questi siti minerari e industriali abbandonati da tempo ma ancora ricchi di fascino. Il numero delle guide e i giorni di apertura verranno decisi in accordo con l’Igea, il comune di Iglesias e gli altri centri interessati, Buggerru, Guspini, Gadoni e Lula.
Per problemi di sicurezza probabilmente non tutti i siti potranno essere fruibili, almeno non subito: certa l’apertura nell’iglesiente della Galleria Henry e della Grotta di Santa Barbara. “In questo modo – fa sapere il Parco – intendiamo offrire un fattivo contributo per la rimozione degli ostacoli di natura economica che al momento impediscono la fruizione di alcuni fra i più importanti attrattori del turismo in Sardegna”.

Ti potrebbero interessare anche:

Per sciare una famiglia con bambino spendera' 2.240 euro
POLONIA/ Nuovi investimenti per il turismo invernale
Fondi, città del gusto e della via Francigena
Bue Marino (Sicilia) è la spiaggia più bella d'Italia
A Mantova arriva Festivaletteratura 2016 in 40 spazi tra storici e dimore
Alto Sangro: cento chilometri di piste



wordpress stat