| categoria: Dall'interno

REFRONTOLO/ Il Pm, consulenti esperti per trovare la verità

Quattro vite spazzate da un’onda di acqua e fango nel bel mezzo del ‘paradiso del Proseccò non si possono archiviare come un incidente, una fatalità. Ne è convinta il sostituto procuratore di Treviso, Laura Reale, che nella sua inchiesta per disastro e omicidio colposo plurimo vuole essere affiancata dai migliori tecnici. Consulenti preparati in idrologia e tecnica ingegneristica, per capire dove c’è stato l’errore, e chi lo ha commesso. Il registro delle indagini continua a non avere nomi, ma l’inchiesta sul disastro ambientale del Molinetto della Croda, a Refrontolo, affidata innanzitutto ai Carabinieri, procede spedita. Per il pm la cosa più urgente adesso è «individuare delle persone esperte», essenzialmente «un ingegnere ed un geologo con specializzazione in idrologia», ai quali verrà assegnato l’incarico di redigere un rapporto dettagliato sugli eventi di sabato sera: come era stato montato il tendone della Pro Loco prestato alla ‘Festa degli uominì; perchè è collassato imprigionando sotto di esso 90 persone, chi aveva dato le autorizzazioni. Ma anche dall’esame del territorio circostante il magistrato si aspetta risposte cruciali: per stabilire se veramente la ‘bomba d’acquà ha fatto tutto da sè, oppure se la scarsa manutenzione, se i terreni boschivi ‘piegatì alle esigenze delle vigne sono stati elementi che hanno innescato l’onda killer. La Procura mette le mani avanti: si è ben lontani – osserva la pm – dal sostenere che «ci sia stata una causa in particolare», perchè questo lo dovranno dire i consulenti, che potrebbero essere scelti «fra personale delle Università». Sul tavolo del magistrato sono già arrivati alcuni degli atti richiesti ai Comuni, mentre è in corso da parte dei Carabinieri la raccolta di testimonianze di quanti sono scampati alla tragedia di sabato notte, quando il Lierza è straripato portando via tutto. Sono inoltre stati sentiti gli organizzatori della festa privata, e quelli della Pro Loco. Perchè oltre allo stato del sistema idrogeologico a monte del Molinetto, va appurata la correttezza delle procedure adottate per la scelta del luogo in cui si svolgeva la festa – nubifragi e piogge avevano colpito la zona già diverse volte quest’estate – e delle eventuali misure di sicurezza previste dai responsabili del ritrovo. Mentre si attendono i funerali congiunti delle quattro vittime del disastro – Fabrizio Bortolin, Luciano Stella, Maurizio Lot, Giannino Breda – che si terranno giovedì a Pieve di Soligo, c’è apprensione per la sorte dei due feriti più gravi tra gli otto portati inizialmente in ospedale. Sono stati sottoposti entrambi a nuovi interventi chirurgici, al Cà Foncello di Treviso, e uno dei due resta in terapia intensiva. Non si placa intanto la polemica tra il ‘partito dei vignetì e quello dell«ambiente violatò. »Siamo di fronte a una falsa deturpazione del territorio – ha detto il presidente veneto Luca Zaia – perchè c’è meno superficie destinata a vigneto rispetto a cinquant’anni fa«. La Regione Veneto, come intervento d’urgenza, ha intanto stanziato un milione di euro per le opere di messa in sicurezza e tre milioni per lavori, che saranno effettuati dal genio civile, volti a ripristinare una situazione di normalità per le famiglie che vivono nella zona.

Ti potrebbero interessare anche:

Finalista miss Italia su Facebook, ex marito mi ha picchiata
Ascoli, suicida in carcere imprenditore che uccise due operai
Caso Shalabayeva, il giudice Lavore si difende: non mi dissero chi era
Finanza a Cortina, undici indagati: sindaco,amministratori,ex consiglieri e presidente Consorzio
Ponte Morandi, trovato reperto-chiave, dentro cavi corrosi
MALTEMPO: FI, ANAS SENZA MEZZI IN VENETO, GOVERNO CHIARISCA



wordpress stat