| categoria: Senza categoria, sport

Inzaghi (finalmente) sorride, il Milan ha trovato lo spirito giusto. 3-0 al Chivas

Il Milan ha sconfitto 3-0 il Chivas Guadalajara nell’amichevole giocata all’NRG Stadium di Houston. Il match è stato deciso dai gol di Niang (20′), Balotelli (38′) e Pazzini (72′).
Vedo lo spirito giusto, dobbiamo continuare così». Filippo Inzaghi sorride dopo la vittoria del suo Milan contro il Chivas per 3-0. Dopo le tre sconfitte e i dieci gol incassati alla Guinness Cup, il ‘diavolò si è riscattato contro i messicani con una buona prestazione impreziosita dai tre gol degli attaccanti Niang, Balotelli e Pazzini. «Secondo me avevamo già fatto una buona gara contro il Liverpool, non meritavamo di perdere. Oggi la mia squadra su un campo molto difficile ha fatto bene», dice Inzaghi in conferenza stampa. «Siamo stati bravi, le combinazioni che proviamo in allenamento sono venute, c’era un bello spirito. Vedo lo spirito giusto e grande voglia di fare bene, ero convinto che saremmo migliorati e dobbiamo continuare così. Quando si va in campo tutti pensano a prevalere sull’avversario, ma penso che alla fine nonostante il campo sia stata una bella partita e per noi e loro non aver perso nessun giocatore è stato molto importante», evidenzia il tecnico
Le pessime condizioni del terreno di gioco hanno creato non pochi problemi alle due squadre, come conferma Inzaghi: «Avevo paura per i miei giocatori, visto il campo, e le due squadre non volevano giocare -spiega il tecnico-. Poi l’arbitro ha preso questa decisione e abbiamo dovuto attenerci perché saremmo anche incorsi in sanzioni. A quel punto ci siamo messi d’accordo di evitare falli brutti, poi è chiaro che quando si va in campo tutti pensano a prevalere sull’avversario. Alla fine, tranne il campo, è venuta fuori una bella partita e non aver perso nessun giocatore è stato importante». Inzaghi si sofferma poi sulla prestazione dei singoli, a cominciare da quelle degli attaccanti: «Davanti abbiamo fatto tutti molto bene, a partire da Balotelli, Pazzini e Niang, ma rimarcherei anche la partita di Honda che mette sempre un grande spirito. Menez è entrato con lo spirito e la gamba giusta, stiamo trovando tutti una bella condizione. Era bello vedere come gli attaccanti combattevano e aiutavano la squadra».

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Letta, primo si dall'Ue. Lavoro per i giovani è la priorità
Dopo Lazio-Legia rabbia e caos per i tifosi trattenuti in Polonia
Grillo, senza M5S si governa solo con gli inciuci
L'ambasciatore russo "affondato" dalle parcelle di una clinica romana scrive all'Ordine de...
Roma, Champions sicura, il derby vale il pass automatico
FALSI PROSCIUTTI SAN DANIELE DOP, 103 INDAGATI



wordpress stat