| categoria: In breve, Senza categoria

UCRAINA/ Parmigiano reggiano, a rischio l’export di 10800 forme

Noi sappiamo di essere nella ‘listà da alcuni mesi. Da febbraio questa vicenda aveva già prodotto una sorta di reazione da parte della Russia, e c’era un’attenzione negativa verso i prodotti che arrivavano dai paesi che avevano determinato un richiamo al comportamento della Russia verso gli avvenimenti dell’Ucraina». Così all’ANSA il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Giuseppe Alai, ipotizza che il prodotto di eccellenza sarà inserito nell’elenco di quell’ ‘banditì dalla Russia. Alai ha ricordato che nel 2013 (ultimo dato disponibile) l’export di Parmigiano Reggiano in Russia ha toccato le 10.800 forme (con una crescita rispetto all’anno prima del 16%), per 5,8 milioni di euro di fatturato. E ora, quando arriverà l’embargo, «la contrazione avrà una ricaduta in termini quasi completi secondo noi».
Due anni fa la produzione complessiva di forme del Re dei Formaggi è stata di 3.279.156 forme. Si tratta quindi di una quota minore di produzione, ma la Russia è uno di quei mercati esteri su cui il Consorzio ha fondato la sua strategia futura, che appunto ipotizza di vendere all’estero il 50% della produzione entro il 2020. Da inizio anno, racconta Alai, non si era dunque in presenza di un bando ufficiale, ma una netta contrazione negli acquisti. «In Russia c’era arrivato questo segnale: una sorta di silenzioso e non ufficializzato atteggiamento negativo verso i nostri prodotti». Ora, ha concluso, «noi non abbiamo la possibilità di reagire se non attraverso la diplomazia internazionale». Al Governo il Consorzio chiede «di riuscire a sbloccare la situazione, o essere conseguenti: la Russia è un paese che esporta anche: in un caso come questo penso sia giusto ripensare l’import-export nella sua complessità».

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi prova a riprendersi il partito, scissione vicina?
Baby genitori nel trevigiano, lei incinta a 13 anni
FOGGIA - L'arsenale del clan nella casa di un insospettabile. A guardia c'era un serpente
Tolleranza zero con le cicche a Parigi, 68 euro di multa
FIRENZE/ Arrestati 14 rom per furti in pelletterie
A Roma la Lega chiede strada



wordpress stat