| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Zingaretti risponde (finalmente) a M5S sul caso Leodori: errore amministrativo

Il presidente del Consiglio Regionale Leodori

«A causa di un mero errore materiale determinato principalmente dalla concorrente revisione di prassi e procedure in relazione all’introduzione di un nuovo sistema di gestione anagrafico e delle competenze fisse ed accessorie, denominato globalmente NoiPa, la nota di aggiornamento relativa all’adozione di detto provvedimento, non è stata registrata nel sistema anagrafico di gestione degli stipendi. Ciò ha comportato la prosecuzione delle emissioni stipendiali a favore del medesimo dipendente». Lo scrive il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti rispondendo alla interrogazione del M5S relativa al doppio stipendio ricevuto dal presidente Leodori per alcuni mesi. «Su segnalazione del medesimo Leodori si è tempestivamente provveduto ad operare la conseguente variazione al fine di aggiornare lo status del dipendente alla posizione di aspettativa senza assegni ed è stata, contestualmente, interrotta ogni emissione stipendiale da parte degli uffici del trattamento economico della Giunta regionale a decorrere da giugno». “Conseguentemente – spiega Zingaretti – grazie anche alle sollecitazioni dello stesso Leodori, sono state attivate le procedure previste per il recupero delle somme secondo la prassi consolidata in questi casi presso la generalità delle Amministrazioni pubbliche. L’interessato ha pertanto provveduto a disporre la restituzione dell’intero importo dovuto comprensivo delle ritenute fiscali e previdenziali, a favore del bilancio regionale». «Ho dato mandato – aggiunge Zingaretti – al direttore del personale di attivare indagini tecniche e amministrative volte a ricostruire la vicenda che risale al periodo febbraio – marzo 2013 al fine di adottare tutte le sanzioni disciplinari necessarie per tutelare l’Amministrazione dal grave danno di immagine che deriva dai suddetti episodi. Si segnala che, all’esito della riorganizzazione degli uffici regionali – conclude Zingaretti – la Direzione risorse umane e Sistemi informativi ha messo in atto ogni opportuno accorgimento organizzativo teso a scongiurare il rischio del ripetersi di simili disfunzioni».

Ti potrebbero interessare anche:

I vip si confrontano con i tuffi in tv. Il nuovo Talent di Canale 5
E' Giovanni de Pierro l'imprenditore a cui la GdF ha sequestrato beni per 270 milioni
'Ndrangheta, parlano gli arrestati: "Il nostro capo è come la Banca d'Italia"
CAMPIDOGLIO/ Da lunedì dissuasori acustici per gli storni
Grecia: Fmi frena, serve chiaro impegno Ue taglio debito
Compromesso, deficit al 2% per l'intesa con la Ue, rinviati Reddito e quota 100



wordpress stat