| categoria: salute

FRANCIA/ Visite al dentista on-line grazie al video-spazzolino

Visite e consulti odontoiatrici a domicilio on line, eseguiti dai medici dentisti dell’ospedale e dedicate alle persone che hanno difficoltà a muoversi. Soprattutto gli anziani, ma anche i disabili o i detenuti. Accade in Francia dove il centro ospedaliero di ricerca universitaria di Montpellier ha lanciato il progetto ‘E-dent’, un programma sperimentale che riguarda al momento 800 persone. Grazie ad una telecamera grande come uno spazzolino da denti, connessa a un computer, i pazienti possono essere visitati e ricevere la diagnosi a domicilio. Per l’uso corretto del ‘video-spazzolinò (telecamera intraboccale) i ricercatori hanno formato infermieri odontoiatrici che lavorano sul territorio. La telecamera a luce fluorescente mette in evidenza carie e infiammazioni gengivali. Le immagini vengono poi analizzate – per questo progetto – da un gruppo di specializzandi in odontoiatria supervisionati da un professionista esperto. . Le eventuali patologie rilevate vengono segnalate e sono indicati gli interventi necessari, da eseguire in ospedale o presso un professionista di propria scelta. Il progetto è finanziato dall’Agenzia sanitaria regionale della Linguadoca-Rossiglione, regione in cui si svolge questo esperimento che sembra già dare buoni frutti per la capacità di consentire una efficace prevenzione e prendersi carico di persone per nelle quali la salute della bocca è spesso trascurata, con conseguenze generali sull’organismo. È già in corso una valutazione sui costi-benefici e il progetto ha suscitato molti interessi tra i professionisti anche fuori dalla Francia.

Ti potrebbero interessare anche:

Sla, al via maxi studio su calciatori in Lombardia
Usa, identificati i marker per il test del sangue che predice l'infarto
Da un antico rimedio cinese unʼarma contro lʼobesità: la pianta che "frena" lʼappetito
Quasi 5 italiani su 10 pesano troppo, oggi l'Obesity Day
Gli scontrini del supermercato possono fare male alla salute
Scoperto un 'nido' di nuove cellule nel cervello adulto



wordpress stat