| categoria: economia

Anche la Francia a crescita zero

Anche la Francia è ferma, la ripresa non si vede, il governo annuncia che non rispetterà i target di bilancio fissati per il 2014 e chiede urgentemente all’Ue un allentamento delle ‘pretese’ sui conti. In contemporanea con i dati sul Pil del secondo trimestre 2014, invariato rispetto allo stallo del trimestre precedente (si sperava in una possibile crescita del +0,1%), è apparso su le Monde l’intervento del ministro delle finanze, Michel Sapin, che rivolge da un lato un appello all’Unione europea perché allenti la stretta, adattando il ritmo della riduzione dei deficit pubblici alla situazione economica attuale, che costringe anche la Francia a non rispettare i target previsti; dall’altro chiede alla Bce di mettere in campo tutti gli strumenti possibili per combattere il rischio di deflazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Tariffe: da luglio luce +1,4%, gas -0,6%
Emergenza lavoro, a marzo 100 milioni le ore di cassa integrazione
FISCO/ Prima rata Tasi il 16 giugno, ai Comuni 2,3 miliardi
Istat conferma, inflazione rallenta a luglio all'1,1%
Via a Resto al Sud, fino a 200mila euro per imprese giovani
SANITÀ: DA FISIOTERAPIA A OMEOPATIA, VADEMECUM PER DETRAZIONI FISCALI



wordpress stat