| categoria: attualità

Papa Francesco: riconciliazione per i coreani, attenzione per i più deboli

Riconciliazione per la «famiglia coreana». La chiede con forza il Papa nell’ultima celebrazione nella cattedrale di Myeong-dong di Seoul, a conclusione del viaggio apostolico in Corea. «La Messa di oggi – è il monito di Bergoglio – è soprattutto e principalmente una preghiera per la riconciliazione in questa famiglia coreana. Nel Vangelo, Gesù ci dice quanto potente sia la nostra preghiera quando due o tre sono uniti nel suo nome per chiedere qualcosa Quanto più quando un intero popolo innalza la sua accorata supplica al cielo!». «La mia permanenza in Corea – ricorda papa Francesco – si avvia al termine e non posso che ringraziare Dio per le molte benedizioni che ha concesso a questo amato Paese e, in maniera particolare, alla Chiesa in Corea. Tra queste benedizioni conservo specialmente l’esperienza, vissuta insieme in questi ultimi giorni, della presenza di tanti giovani pellegrini provenienti da tutte le parti dell’Asia. Il loro amore per Gesù e il loro entusiasmo per la diffusione del suo Regno sono stati un’ispirazione per tutti»

«La mia visita – osserva il Papa nell’omelia – ora culmina in questa celebrazione della Santa Messa, in cui imploriamo da Dio la grazia della pace e della riconciliazione. Tale preghiera ha una particolare risonanza nella penisola coreana. La Messa di oggi è soprattutto e principalmente una preghiera per la riconciliazione in questa famiglia coreana. Nel Vangelo, Gesù ci dice quanto potente sia la nostra preghiera quando due o tre sono uniti nel suo nome per chiedere qualcosa Quanto più quando un intero popolo innalza la sua accorata supplica al cielo!». Il Pontefice pone l’attenzione sul contesto in cui vive il popolo coreano:« un’esperienza di divisione e di conflitto che dura da oltre sessant’anni. Ma il pressante invito di Dio alla conversione chiama anche i seguaci di Cristo in Corea ad esaminare la qualità del loro contributo alla costruzione di una società giusta e umana. Chiama ciascuno di voi a riflettere su quanto, come individui e come comunità, testimoniate un impegno evangelico per i disagiati, per gli emarginati, per quanti non hanno lavoro o sono esclusi dalla prosperità di molti. Vi chiama, come cristiani e come coreani, a respingere con fermezza una mentalità fondata sul sospetto, sul contrasto e sulla competizione, e a favorire piuttosto una cultura plasmata dall’insegnamento del Vangelo e dai più nobili valori tradizionali del popolo coreano»

Ti potrebbero interessare anche:

Lasagna "di cavallo" Findus, dilaga lo scandalo. Surgelati ritirati in Gran Bretagna Franc...
Parigi, il killer di Montrouge conosce i fratelli autori della strage a Charlie Hebdo
Migranti, emergenza nei Balcani: attese oltre 3mila persone al giorno in Macedonia
Arresti in Lombardia e Piemonte: «Preparavano un attentatoall'ambasciata di Israele a Roma»
Terremoto, blitz della Finanza in enti pubblici e ditte private
Spread Btp-Bund tocca i 260 punti base



wordpress stat