| categoria: salute

Sclerosi multipla, segnalazione Aifa su effetti beta-interferone

L’Agenzia italiana del farmaco segnala «nuove e importanti informazioni sull’uso dei medicinali a base di interferone beta utilizzati nel trattamento della sclerosi multipla». Nell’ambito dell’attività di farmacovigilanza «sono stati segnalati – informa l’Aifa, in accordo con l’agenzia europea del farmaco e le aziende produttrici delle terapie oggetto della nota – casi di microangiopatia trombotica (TMA), compresi casi fatali, durante il trattamento della sclerosi multipla con prodotti a base di interferone-beta. La maggior parte dei casi di TMA si è manifestata come porpora trombotica trombocitopenica o sindrome emolitico uremica. Sono stati anche segnalati casi di sindrome nefrosica con diverse nefropatie sottostanti. Sia la TMA che la sindrome nefrosica – precisa l’agenzia regolatoria – possono insorgere da diverse settimane a diversi anni dopo l’inizio del trattamento con interferone-beta». L’invito è a «prestare la massima attenzione in caso di sviluppo di queste patologie e, se insorgono, di gestirle prontamente seguendo i consigli» riportati nella nota informativa disponibile sul sito dell’agenzia.

Ti potrebbero interessare anche:

Dentisti in piazza e visite gratuite per promuovere la salute orale
Italiani protagonisti e artefici del proprio benessere, l'era della salute fai-da-te
Mezzo milione di italiane ha un cancro al seno, ora curabili anche le forme più aggressive
Febbre batte mal di testa. Le malattie (false) più credibili sul lavoro
Inattività circolo vizioso, senza muoversi si ha meno voglia di fare sport
Fumo, dieci regole per mantenere il buon proposito di smettere



wordpress stat