banner speciale sanremo 2020
| categoria: salute

Sclerosi multipla, segnalazione Aifa su effetti beta-interferone

L’Agenzia italiana del farmaco segnala «nuove e importanti informazioni sull’uso dei medicinali a base di interferone beta utilizzati nel trattamento della sclerosi multipla». Nell’ambito dell’attività di farmacovigilanza «sono stati segnalati – informa l’Aifa, in accordo con l’agenzia europea del farmaco e le aziende produttrici delle terapie oggetto della nota – casi di microangiopatia trombotica (TMA), compresi casi fatali, durante il trattamento della sclerosi multipla con prodotti a base di interferone-beta. La maggior parte dei casi di TMA si è manifestata come porpora trombotica trombocitopenica o sindrome emolitico uremica. Sono stati anche segnalati casi di sindrome nefrosica con diverse nefropatie sottostanti. Sia la TMA che la sindrome nefrosica – precisa l’agenzia regolatoria – possono insorgere da diverse settimane a diversi anni dopo l’inizio del trattamento con interferone-beta». L’invito è a «prestare la massima attenzione in caso di sviluppo di queste patologie e, se insorgono, di gestirle prontamente seguendo i consigli» riportati nella nota informativa disponibile sul sito dell’agenzia.

Ti potrebbero interessare anche:

Oculista, con "overdose" tablet e pc occhio secco e messa a fuoco in tilt
Aids/ De Priamo a Marino: 'Roma faccia di più per la prevenzione'
Otto milioni di italiani con le allergie, colpito 1 bimbo su 2 entro il 2020
Occhio a dolci con le nocciole, in aumento i bimbi allergici
La dieta della benda: perdere peso senza vedere quello che si mangia
Alzheimer. Declino cognitivo comincia 12 anni prima dell’esordio



wordpress stat