| categoria: esteri

Vanessa e Greta, resta il mistero sui rapitori. Nelle mani dell’Isis?

Nelle mani dell’Isis o presto libere. A venti giorni dal loro rapimento in Siria, si torna a parlare di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, ma se il britannico Guardian parla di due italiane finite nelle mani degli Jihadisti dello Stato islamico senza citarne il nome, il quotidiano panarabo al Quds al Arabi riferisce che Vanessa e Greta che rapite un gruppo di ribelli che con l’Isis non ha nulla a che fare, che stanno bene e che verranno presto rilasciate. Una cattiva notizia e una buona notizia, entrambe impossibili da verificare. L’unica certezza, al momento, è che delle due cooperanti, rapite all’inizio di agosto, così come di padre dall’Oglio, scomparso sempre in Siria ormai un anno fa, non si sa più nulla. Dopo la diffusione dell’atroce video che mostra la decapitazione del giornalista americano Jim Foley, l’ipotesi più temuta arriva dunque dal Guardian che, senza fare direttamente il nome delle due cooperanti, stila un elenco dei quattro ostaggi sequestrati nel paese dagli jihadisti dello Stato islamico: un danese, un giapponese e due donne italiane, appunto. Il quotidiano britannico non dice di più – e al momento questa indiscrezione non avrebbe trovato conferma – mentre il giornale arabo dedica a Vanessa e Greta un articolo ricco di particolari, citando una fonte del gruppo di ribelli Ahrar ash Sham che avrebbe annunciato la cattura di uno dei rapitori delle ragazze. La fonte assicura al giornale che le due cooperanti «stanno bene» e che saranno liberate «forse nelle prossime ore». E spiega che il rapitore finito nelle mani del gruppo avrebbe confessato che «stava trattando con le autorità italiane per raggiungere un accordo su un riscatto». Si tratterebbe di un «membro di una brigata dell’opposizione siriana» – e dunque non dello Stato islamico – catturato nei pressi di Sarmada, località a ridosso del confine con la Turchia nella regione di Idlib. La linea della Farnesina sugli italiani rapiti nel mondo – sei i casi in questo momento – resta sempre la stessa: tutti i canali immediatamente attivati, silenzio stampa, massimo riserbo, contatti diretti solo con i familiari. Che, in queste ore ,seguono con un misto di paura e speranza le voci che si rincorrono. «Siamo ottimisti e speriamo di riabbracciare al più presto Vanessa e la sua amica Greta – ha detto il padre di Vanessa, Salvatore Marzullo – anche se l’angoscia cresce».

Ti potrebbero interessare anche:

Il Venezuela si infiamma, sette morti negli scontri dopo il voto
Esplosione nel Texas, arrestato un soccorritore, aveva una bomba
Usa, giovane di colore ucciso; ancora proteste nel Missouri. Arrestati due giornalisti
Tassisti contro Uperpop, Parigi sotto assedio e scontri agli Champs Elysées
Ludovico Einaudi e il suo piano tra i ghiacci del Polo Nord per salvare lʼArtico
Onu, Conte all'Assemblea generale: non è morale non assicurare equità e dignità



wordpress stat