| categoria: editoriale, Il Commento, Senza categoria

Una tragedia familiare al giorno, Renzi che ne pensa?

L’ultima nel Catanese, la penultima nell’Anconitano. Ma basta scorrere le cronache di queste settimane per individuare decine di episodi violenti, cruenti e tragici nell’ambito familiare. Una lunga scia di sangue, motivata con approssimazione giornalistica da momenti di follia, raptus, sfoghi di disperazione. Troppo facile, troppi padri e madri che uccidono figli e congiunti, anziani che uccidono il coniuge malato e si tolgono la vita, episodi incontrollabili e sopratutto incontrollati. Quante famiglie a rischio ci sono in Italia e quanti italiani sono schiacciati dal sottile male di vivere? L’atmosfera si è fatta sempre più pesante in questo paese, la tensione si avverte, la violenza è latente, il controllo sociale, politico inesistente. Dei cinque casi più eclatanti che hanno segnato questo 2014 si è parlato poco e male, delle decine di episodi che sfuggono alla cronaca o che vengono classificati in altro modo non si parla proprio. Ma la responsabilità di chi governa, di chi amministra è enorme e non può essere minizzata e banalizzata. L’Italia si sta disfacendo, il tessuto connettivo sociale che consente ad una comunità di sopravvivere in tempi difficili si è liquefatto. Siamo nei guai e nessuno ci soccorre, senza soldi, senza lavoro e senza una guida affidabile, tanto per parlare in modo semplice. La risposta dei soggetti più deboli può essere devastante, dire che scatta la scintilla della follia è pericoloso, fuorviante e riduttivo. E’ un problema di sicurezza generale, di assistenza, di copertura sociale. E tutto questo Renzi non può risolverlo a colpi di twitter o con una comparsata televisiva.

Ti potrebbero interessare anche:

Viareggio, 150mila persone al corso mascherato
A Terracina per degustare le birre artigianali
"Congiura azzurra" agita Forza Italia, Berlusconi riunisce i figli
Insegnante maltrattava gli studenti alla scuola elementare. Sospesa
Scuola, i Cobas sfidano garante e Renzi, blocchiamo tutto per due giorni
Eutanasia: morto in Svizzera Davide, malato di sclerosi



wordpress stat