| categoria: Dall'interno, Senza categoria

SCUOLA/ E’ salasso per libri e corredo: per le famiglie oltre mille euro a figlio

Oltre mille euro tra corredo scolastico, libri e dizionari. È quanto spenderanno a settembre le famiglie italiane per ogni ragazzo che inizierà l’anno scolastico. Secondo l’Onf-Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che come ogni anno ha monitorato il costo dei materiali necessari agli alunni, si spenderanno infatti mediamente 506,50 euro per il corredo scolastico (+1,4% rispetto al 2013) e 529,50 euro per libri e dizionari (+1,6% rispetto allo scorso anno), con un aumento medio dell’1,4%. Quindi al rientro dalle vacanze, per quelli che son potuti partire, si prospetta subito un importante appuntamento: l’acquisto del materiale scolastico, dei libri e di tutto l’occorrente per il ritorno dei ragazzi sui banchi di scuola. Nonostante la crisi, nonostante le strategie e l’inventiva delle famiglie che fanno di tutto per risparmiare anche su questa voce di spesa, i prezzi di questi articoli, seppure in maniera contenuta, continuano ad aumentare. Aumenti che, di anno in anno, attacca Federconsumatori, hanno portato il montante complessivo di tale spesa a raggiungere cifre insopportabili per le famiglie, che sempre con maggiore difficoltà riescono a farvi fronte.
L’Osservatorio nazionale Federconsumatori monitorando il costo dei materiali necessari agli alunni ha registrato un aumento medio del +1,4%. La spesa per il corredo scolastico (più i ‘ricambì) passerà da 499,50 euro dello scorso anno ai ben 506,50 euro di quest’anno. Ad aumentare in misura maggiore sono soprattutto i prezzi degli astucci pieni e dei diari. Più contenuti, ma pur sempre in aumento, i costi degli zaini. Ma come sempre, la voce che pesa maggiormente sul budget per la scuola è quella relativa ai libri di testo.Quest’anno mediamente per i libri + 2 dizionari si spenderanno 529,50 euro per ogni ragazzo, il +1,6% rispetto allo scorso anno (calcolo effettuato prendendo in considerazione le diverse classi delle scuole medie inferiori, licei ed istituti tecnici). Le spese sono particolarmente elevate per gli alunni delle classi prime. Nel dettaglio: uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo + 2 dizionari 484 euro (il +1,7% rispetto allo scorso anno). A tali spese vanno aggiunti +506,50 euro per il corredo scolastico ed i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 990,50 euro. Un ragazzo di primo liceo spenderà per i libri di testo + 4 dizionari 799 euro (il +1,5% rispetto allo scorso anno) +506,50 euro per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di ben 1.305,50 euro. Una spesa in molti casi insostenibile per le famiglie, i cui bilanci sono già in forte crisi. Basti pensare che il loro potere di acquisto dal 2008, ricordano i consumatori, è diminuito di oltre il -13,4%. «Per questo -insistono i consumatori- ministero ed enti locali dovrebbero potenziare le agevolazioni per l’acquisto dei libri destinate alle famiglie meno abbienti. Il Ministero, inoltre, dovrebbe avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa che, soprattutto nei licei, vengono puntualmente superati. In tal senso appare inaccettabile la »tolleranza« dello sforamento ingiustificato fino al limite del 10%». Come ogni anno invitiamo le famiglie a segnalarci gli sforamenti dei tetti di spesa«, chiedono i consumatori. Per Federconsumatori è »indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare: incentivando al massimo l’editoria elettronica (un dizionario online può costare anche 8 euro); rendendo disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare l’alunno ad acquistare necessariamente un testo nuovo; ampliando i prestiti dei testi da parte delle scuole«.

Ti potrebbero interessare anche:

VENEZIA/ I Taxi fanno surf sulle onde della Laguna, 12 indagati e 2 motoscafi sequestrati
Europee, Berlusconi taglia corto: "I miei figli non si candidano".
L'Isis decapita l'ostaggio Peter Kassig. Ferito il boia dello Stato islamico
Trump, la Guardia Nazionale contro gli immigrati irregolari? Lui smentisce
Zaino o tracolla: quale scegliere per il ritorno a scuola
CENTO ANNI DALLA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE



wordpress stat