| categoria: sanità

Nel Veneto arrivano gli “angeli del Pronto Soccorso”

Luca Zaia, presidente Regione Veneto

Al rientro dalle ferie, i cittadini veneti che avessero necessità dell’assistenza in pronto soccorso troveranno una novità che si sperimenta per la prima volta in Italia: la presenza in sala d’attesa di uno ‘steward’ professionale adeguatamente formato per fornire tutta l’assistenza necessaria ad un paziente o ai famigliari in attesa: informazioni sulla situazione del momento della struttura, sui presumibile tempi d’attesa, sui motivi della stessa, sulle condizioni della persona che si trova in trattamento. Il tutto abbinato ad una serie di migliorie ambientali, come il collegamento wi-fi, prese per la ricarica di apparecchi elettronici, distributori d’acqua, monitor dove appare la situazione del singolo paziente in attesa e, in alcuni casi, anche poltrone più comode e posizionate in modo che tutti possano visionare agevolmente i monitor di sala. È questa, in sintesi, quella che il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha definito la ‘rivoluzione degli angelì presentando, oggi a Venezia, i nuovi servizi che prenderanno avvio nei pronto soccorso del Veneto a partire da lunedì. Con Zaia erano presenti l’assessore alla Sanità Luca Coletto, il direttore generale della sanità veneta Domenico Mantoan, il responsabile del Suem 118 Paolo Rosi e quello della formazione degli operatori Daniele Frezza.

Ti potrebbero interessare anche:

Corruzione, in Germania sanzionati oltre 500 medici
Alzheimer, in Lombardia duemila richieste di aiuto all'anno
Influenza, il vaccino ha funzionato poco. Quattro milioni a letto
Lorenzin, aumenteranno le ispezioni nelle strutture ospedaliere
Sanità, Lorenzin: "Trovati i fondi per assumere medici"
Abruzzo. Il commissariamento è finito. Via libera anche dal Consiglio dei Ministri



wordpress stat