| categoria: salute

Nuove linee guida per i certificati medici: per le palestre non servono più

Resta facoltativo il certificato medico per chi va in palestra. Mentre per chi fa sport non agonistico (diverso dalle attività ‘ludico-motoriè che si svolgono proprio nelle palestre), ci sono nuove linee guida del ministero della Salute. «Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha adottato con proprio decreto le Linee guida di indirizzo in materia di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica. Le linee guida sono volte a superare una serie di difficoltà interpretative che si sono nel tempo registrate da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, dei medici specialisti in medicina dello sport, nonché degli operatori che gestiscono le palestre, sull’ambito di applicazione delle disposizioni normative relative alla certificazione sanitaria per chi esercita attività sportiva. Viene chiarito che l’obbligo di certificazione è riferito solo a chi pratica attività sportiva non agonistica, tenuto conto che è stato ormai soppresso l’obbligo della certificazione per chi pratica attività ludico motoria». Lo annuncia una nota del ministero della Salute. «In particolare le nuove Linee guida – prosegue il ministero – danno indicazioni su quali sono le attività sportive non agonistiche, quindi soggette a obbligo di certificazione; definiscono quali sono i medici che possono rilasciare le certificazioni, nel rispetto delle indicazioni fornite dalla legge; ricordano che i controlli sanitari devono essere annuali e, conseguentemente, che il certificato medico ha validità annuale; indicano gli esami clinici e gli accertamenti da effettuare e danno anche specifiche indicazioni sulla conservazione della copia dei referti».

Ti potrebbero interessare anche:

Gemelli, in piazza per imparare la rianimazione
Tumori al polmone, prima conferma del legame diretto con l'inquinamento
FARMACI/ Dalla frutta al cioccolato, guida sulla interazione con gli alimenti
IL 30% dei malati di sclerosi multipla è costretto a cambiare lavoro
Sensibili al glutine senza saperlo,troppe diagnosi sbagliate
Fumo in gravidanza e il nascituro rischia la schizofrenia



wordpress stat