| categoria: economia

IL PUNTO/Montezemolo, 23 anni con la Rossa

Montezemolo lascia dopo 23 anni la Ferrari, Sergio Marchionne sarà il nuovo presidente. Dopo le polemiche degli ultimi giorni, il cambio al vertice, che sarà operativo dal 13 ottobre – giorno in cui è prevista la quotazione di Fca a Wall Street – ha subito un’accelerazione: la notizia è stata ufficializzata questa mattina, con un comunicato, da Fiat Chrysler dopo l’incontro di ieri a Maranello tra Marchionne e Montezemolo. Alle 14 presso la sede della Rossa è prevista una conferenza stampa.

“Ci sono state incomprensioni, ma ringrazio Montezemolo di quello che ha fatto per la Ferrari, per la Fiat e per me”, afferma l’amministratore delegato del Lingotto che a Cernobbio aveva detto “nessuno è indispensabile” criticando gli insuccessi sportivi della Scuderia negli ultimi sei anni. “Lo ringrazio a nome della mia famiglia e a titolo personale”, aggiunge John Elkann, presidente della Fiat che detiene il 90% del Cavallino, auspicando un ritorno al successo della Ferrari. Montezemolo parla della “fine di un’epoca. La Ferrari – sottolinea – insieme alla mia famiglia ha rappresentato e rappresenta la cosa più importante della mia vita”. Per lui è sempre più probabile la candidatura al vertice della nuova Alitalia targata Etihad: dopo l’investitura da parte del ceo di Atlantia Giorgio Castellucci, oggi è arrivata anche quella di Federico Ghizzoni, ad di Unicredit: “vista la sua esperienza potrebbe essere un buon nome”, ha detto.

A Piazza Affari il titolo Fiat continua a salire: in mattinata arriva a superare i 7,9 euro, con un balzo poco sotto il 3%. Lo scontro tra Marchionne e Montezemolo, che si è acutizzato negli ultimi giorni fino ad arrivare al divorzio di oggi, cela una divergenza sulla strategia per la Ferrari. Posizioni distanti, quelle dei due manager, sul ruolo della Rossa all’interno del Gruppo. Montezemolo ha sempre interpretato la società come un’entità autonoma con proprie logiche, diversa da tutte le altre. Marchionne invece la considera una delle società del Gruppo e, con la Maserati, un tassello del brand del lusso che ha un ruolo centrale nella strategia di Fca in vista del debutto di Fca alla Borsa di New York. Ecco perché è probabile, accanto a Marchionne, la presenza di Harlad Wester, numero uno dell’Alfa Romeo e della Maserati.

Ti potrebbero interessare anche:

INDUSTRIA/ Prometeia, nei primi cinque mesi del 2014 la ripresa si è arrestata
Electrolux compra divisione elettrodomestici di General Electric
TELECOM/ Renzi in campo su banda ultralarga, apre il dialogo
Germania, surplus da oltre 12 miliardi nel 2015
Istat: cala la disoccupazione giovanile. Ai minimi dal 2012
Pensioni, ultime notizie su pensioni. Cosa cambia nel 2017 sulle pensioni



wordpress stat