| categoria: sport

Empoli-Roma 0-1: autogol e punteggio pieno per i giallorossi

La Roma ottiene il massimo, il successo a Empoli, andando al minimo. Dopo quasi 11 anni torna a vincere al Castellani senza Totti, in panchina in questa prima trasferta dell’anno e autore della doppietta per il 2 a 0 del 21 dicembre del 2003. Basta l’autorete del portiere Sepe per restare a punteggio pieno. Ma la vittoria, anche se non esaltante nel punteggio e nella prestazione, è meritata. Palo di Maicon e rigore non concesso a Pjanic sullo 0 a 0. E un’altra chance sprecata da chance nella ripresa per chiudere il match in meno di un’ora. Gli avversari, invece, non entrano mai in area e De Sanctis fa l’unica parata alla mezz’ora della ripresa su tiro da fuori di Mchedlidze. La difesa, dunque, non corre alcun rischio e resta imbattuta.
Garcia, pur predicando la massima attenzione per questa sfida contro la neopromossa di Sarri, si rende subito conto che i giocatori pensano alla partita di mercoledì all’Olimpico. Per loro conta il debutto In Champions contro il Cska. E si vede dall’interpretazione. Cercano il gol nel primo tempo e lo trovano prima dell’intervallo: Nainggolan come contro la Fiorentina fa il tiro da tre punti, palla sul palo e sulla schiena di Sepe per la carabola dell’1 a 0. Ottenuto il vantaggio, scelgono il possesso palla per arrivare fino al traguardo. Percorso senza ostacoli e tranquillo. E per mettere, per quanto può servire, pressione alla Juve che scende in campo contro l’Udinese a Torino quando i giallorossi sono già in viaggio verso la capitale.
De Rossi comanda a centrocampo, ma mercoledì non ci sarà: squalificato. Al suo posto giocherà Keita: al Castellani è entrato per Pjanic che, tra l’altro, non sta bene. In difesa, con Manolas in gran forma (in coppa è disponibile), la grande delusione è Cole. Non riesce proprio a entrare in sintonia con il gruppo: spaesato e impreciso. Holebas o Torosidis i possibili sostituti. Anche perché Maicon, alla prima in questa stagione, sembra recuperato. Da verificare le condizioni di Castan, fuori dopo un tempo. Per precauzione. In preallarme Astori. Davanti steccano Ljajic e Destro. Florenzi, invece, è tra i migliori. Con Manolas e Nainggolan. Il tridente titolare si riposa in panchina: Iturbe, Totti e Gervinho, quest’ultimo in campo per una decina di minuti.

Ti potrebbero interessare anche:

Milan incolore supera a fatica il Siena (2-1). Contano i tre punti
Maradona arrivato in Italia. Ora comincia la partita con il fisco
Lippi nella storia, vince anche la Champions asiatica
E' fatta, Berlusconi cede il 47% del Milan a mr Bee
PUGILATO: PAURA PER BENVENUTI, MALORE DA CODICE ROSSO
ROMA,CON ATALANTA SOFFRE SEMPRE,LA SALVA MANOLAS: FINISCE 3-3



wordpress stat