| categoria: economia, Senza categoria

UNIONCAMERE/ Le imprese di immigrati tornano a crescere (+7mila)

Tornano a crescere le imprese di immigrati in Italia, attestandosi a quota 325 mila, il 10% del totale. Dopo un biennio in lieve diminuzione, il saldo tra iscrizioni e cessazioni nel secondo trimestre supera le 7 mila unità, pari al 44% del saldo complessivo delle imprese individuali del periodo aprile-giugno (+16.103 unità). È la mappa dell’imprenditoria di immigrati proveniente da paesi extra Ue sulla base di Movimprese, l’indagine trimestrale condotta da Unioncamere e InfoCamere. Il recupero è frutto di una robusta frenata delle chiusure (39.345 contro le 50.165 del 2013 -21,6% rispetto allo stesso trimestre di un anno fa) che ha compensato la moderata contrazione delle iscrizioni (diminuite di 3.421 unità, -6,7%). Quanto alla geografia, uno su cinque viene dal Marocco (63 mila), seconda si posiziona la Cina (46 mila), seguita da Albania (30.564) e Bangladesh (23 mila); Prato, Milano e Firenze si attestano le province più ‘presidiatè

Ti potrebbero interessare anche:

Cambi ai vertici delle organizzazioni internazionali, l'Italia non è della partita
Anche Bankitalia chiede una tregua per le tasse
Yoko Ono, ottant'anni e ancora sulla breccia
Sciopero treni sabato 20 e domenica 21
FISCO/ Mannheimer a processo, frode da 10 milioni
Riciclaggio attraverso money transfer, 18 arresti



wordpress stat