| categoria: Scuola, Senza categoria

SCUOLA/ Anief, basta sperimentazioni.Si alzi l’obbligo

«Sulla cancellazione di un anno della scuola superiore il nostro sindacato si è sempre espresso con motivi di ferma opposizione: quello di cancellare un anno di scuola non contiene infatti nessun presupposto pedagogico e didattico, se non la palese volontà di eliminare 40mila posti di lavoro e alleggerire, di conseguenza, la spesa pubblica a danno dell’utenza scolastica». Lo afferma Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, commentando la sentenza del Tar del Lazio che ha dichiarato illegittima la riduzione di un anno della scuola superiore. «Piuttosto che avventurarsi su percorsi impossibili e poco efficaci nel tentare di ridurre la dispersione scolastica – continua Pacifico – il Miur farebbe bene a combattere il crescente fenomeno degli oltre 700mila Neet tra 15 e 25 anni con due ‘mossè: introducendo l’elevazione dell’obbligo formativo a 18 anni, collegare questa novità, già voluta nel 1999 dall’ex Ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, con una seria riforma dell’alternanza scuola-lavoro». «La censura arriva dalla Sezione Terza Bis del Tar Lazio – spiega l’Anief- che il 16 settembre ha emesso una sentenza che cancella la sperimentazione introdotta dall’amministrazione scolastica con i decreti del Miur n. 902 e 904 del 5 novembre 2013, sottoscritti dall’ex Ministro Maria Chiara Carrozza, introdotti per favorire la cancellazione del quinto anno di corso nel Liceo Ginnasio Statale ‘Quinto Orazio Flaccò di Bari, nell’ISS ‘Ettore Maioranà di Brindisi, nell’ITE ‘Enrico Tosì di Busto Arsizio e nell’I.S ‘Carlo Antì di Verona. Di conseguenza, vengono censurate anche le disposizioni analoghe approvate in precedenza dall’ex Ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini». «I giudici – prosegue la nota – hanno appurato una palese violazione, tra gli altri, degli articoli 8 e 11 del D.P.R. 275 dell’8 marzo 1999, del D.M. n. 88 e 89 del 7 ottobre 2010, nonché dell’art. 64 della Legge 133 del 2010. E hanno ravvisato il mancato parere del Cnpi, che rimane cogente, sebbene una norma della riforma della Pubblica Amministrazione lo abbia superato. Anief ha più volte spiegato che la riduzione dell’offerta formativa e del tempo scuola non farebbe che acuire il problema degli abbandoni scolastici, con Sicilia, Campania, Calabria e Puglia dove vi sono aree con il 45% di studenti che non arrivano al diploma».

Ti potrebbero interessare anche:

Si cercano cinque feti nella casa dell'orrore di Cleveland
LONDRA/ Il Labour vuole tassare anche le case di Elisabetta
GIUBILEO/ AMA, da lunedì pulizie straordinarie in via Ostiense
GERMANIA/ Malcontento nella Cdu per il mancato divieto del burqa
G8 Genova, lo Stato risarcirà le vittime di Bolzaneto con 45mila euro ciascuno
E nel campo rom spunta una super limousine



wordpress stat