| categoria: primo piano

Isis, gli Usa fanno sul serio, massicci raid aerei in Siria

Gli Stati Uniti sono passati all’azione contro l’Isis anche in Siria, in maniera massiccia: aerei da combattimento, bombardieri e missili Tomahawk lanciati dalle navi che incrociano nella regione hanno colpito nel corso della notte obiettivi nel nord del Paese. E non e’ ancora finita. “Le forze militari Usa e delle Nazioni partner stanno conducendo azioni militari contro terroristi dell’Isil in Siria”, ha reso noto il portavoce del Pentagono, ammiraglio John Kirby, aggiungendo che “poiché le operazioni sono in corso non siamo al momento in posizione di fornire altri dettagli”. Tuttavia, altre fonti della difesa Usa hanno affermato che le “nazioni partner” che partecipano “in pieno” sono l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, la Giordania e il Baherein. “La decisione di condurre i raid aerei e’ stata presa oggi dal comandante del Comando centrale Usa sulla base dell’autorizzazione ricevuta dal Comandante in capo”, il presidente Barack Obama, ha detto l’ammiraglio Kirby. Secondo quanto riferisce il Washington Post, gli Usa avevano individuato almeno 20 obiettivi da colpire nella prima ondata di bombardamenti in Siria, che fa seguito ad una campagna avviata gia’ lo scorso 8 agosto contro obiettivi dell’Isis in Iraq. Da allora, a ritmo quotidiano, i caccia americani hanno preso di mira e distrutto almeno 190 obiettivi. Fino ad ora e’ stata pero’ soprattutto una campagna a carattere di difesa, per proteggere il personale diplomatico e militare americano nel Nord dell’Iraq e per sostenere le forze irachene impegnate a contrastare l’avanzata dell’Isis nella regione della strategica diga di Mosul e verso la citta’ di Erbil, capitale del Kurdistan iracheno. Questa volta, secondo le indicazioni, gli obiettivi presi di mira sarebbero nel ‘cuore’ dello Stato islamico, a Raqqa, la citta’ nel nord della Siria dove il ‘califfo’ Abu Bakr al Baghdadi ha posto la sua ‘capitale’. In particolare si parla di centri di comando e controllo e di campi di addestramento e di depositi di armi e munizioni. La conferma sembra arrivare proprio dagli abitanti della citta’, che via Twitter riferiscono di numerose esplosioni e di continui sorvoli di aerei da guerra.

Un gruppo legato all’Isis ha rivendicato oggi con un video il rapimento di un francese in Algeria e ha minacciato di ucciderlo entro 24 ore se la Francia non fermerà i raid contro i jihadisti in Iraq. Nel video si mostra l’ostaggi, Hervè Pierre Gourdel, che chiede al presidente Hollande di farlo uscire da questa situazione. Il gruppo jihadista algerino “Jund al-Khilafa” (I soldati del Califfato) che ha rivendicato il rapimento del cittadino francese, ha fatto professione di fedeltà all’Isis. Nel video si vedono due uomini seduti armati di kalashnikov e mascherati con in mezzo l’ostaggio francese. L’uomo dice di essere originario di Nizza e di essere una guida di montagna. Precisa di essere arrivato in Algeria sabato e di essere stato rapito domenica sera. La rivendicazione del gruppo armato giunge a poche ore dall’ultimo messaggio dell’Isis in cui si chiede di uccidere “i miscredenti americani e europei – soprattutto uno sporco francese”.

Il ministro degli esteri francese Laurent Fabius ha detto però che è escluso che la Francia ceda alle minacce di un gruppo terroristico”.

Ti potrebbero interessare anche:

Somalia, ucciso ostaggio francese. Ansia per i 41 occidentali di Al Qaida in Algeria: indossano cint...
Ignazio Marino candidato Pd al Campidoglio, ma quanta fatica
Iraq, massacro nel villaggio yazida. Decine di morti, rapite cento donne
Borse, Piazza Affari precipita. Lo spread corre
Alta tensione negli Usa. Proteste e scontri, cinque agenti feriti in Minnesota. Arrestato leader ner...
Allarme rosso, nel New Jersey, trovato zaino con 5 bombe alla stazione



wordpress stat