| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Task force scopre 312mila euro di tributi evasi in 20 negozi al Pantheon

Evasione tributaria per oltre 312.000 euro, in 20 locali commerciali di piazza della Rotonda (Pantheon) e delle vie limitrofe, nel centro di Roma, scoperta oggi dalla task force composta da unità della Polizia Locale, Inps, Aequa Roma e Asl. Più la rimozione di un’attività in palese occupazione abusiva in piazza della Rotonda. Questa mattina il gruppo interforze, coordinato dalla Polizia Locale di Roma Capitale, ha proseguito l’attività di controllo già intrapresa in altre aree del centro di Roma, per verificare l’esatto adempimento degli obblighi tributari di competenza locale. Lo comunica, in una nota, il Campidoglio. Le verifiche sono scattate sulla base dei risultati delle indagini d’ufficio da cui erano emerse gravi ipotesi di violazione o evasione dei tributi locali. La task force ha svolto, quindi, una capillare attività di accertamento, dalla quale sono emerse numerose irregolarità, alcune delle quali richiedono una successiva quantificazione. Per quanto riguarda l’attività di Polizia amministrativa, sono state riscontrate 17 violazioni delle norme a tutela dei consumatori, di cui 3 di rilevanza penale. Il personale preposto all’attività ispettiva previdenziale (Inps) ha invece riscontrato 19 irregolarità contributive, e individuato 10 lavoratori in nero tra dipendenti irregolari ed autonomi non iscritti all’Inps. In un caso il numero di violazioni è stato considerato tanto grave da disporre la chiusura differita di un’attività commerciale, proprio per le gravi violazioni contributive. In questo caso l’esercizio commerciale ha tempo fino alle 12.00 di domani per regolarizzare la propria posizione, altrimenti la chiusura diventerà esecutiva

I controlli in materia di igiene e sicurezza, disposti dalla Asl hanno invece riguardato cinque esercizi commerciali che effettuano la somministrazione di alimenti e bevande. In tutti i casi sono state riscontrate violazioni, alcune di rilevanza penale. Numerose, infine, le violazioni riscontrate da Aequa Roma in materia di fiscalità locale: per il Cip (Canone Iniziative Pubblicitarie è stata accertata evasione/elusione nel 60% dei casi; per l’Osp (l’Occupazione di Suolo Pubblico), rilevata una maggiore occupazione con tavoli e sedie e accertata evasione e elusione nel 40% dei casi; per quanto riguarda la Cosap (maggiori occupazioni per altri ingombri suolo pubblico), accertata anche in questo caso un’evasione e/o elusione nel 40% dei casi; mentre per la Tari (la Tassa Rifiuti), la percentuale di evasione e elusione riscontrata ha raggiunto addirittura il 70% dei casi.

Ti potrebbero interessare anche:

Stalking, perseguita ex e minaccia uccidere figlia dei vicini
PARCHI/Blitz antibracconaggio nel Lazio
Civita Castellana, alla scoperta del distretto ceramico
COMUNALI/ Il 6 e 7 maggio la consegna delle liste, è caccia alle firme
IL PUNTO/ Le amnesie della Giunta Raggi. Quanto potrà tenere nel cassetto la questione Rom?
Frongia, nessuna bocciatura stadio Roma



wordpress stat