| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Venduta e poi violentata davanti alla Reggia di Caserta, un fermato

Venduta dal compagno romeno a un connazionale, per 10 euro, che poi l’ha violentata, di notte, davanti la Reggia di Caserta: vittima del tragico episodio una ragazza italiana di 20 anni, stuprata lo scorso 14 giugno, nei giardini antistanti il monumento patrimonio dell’Unesco. Oggi, i carabinieri di Caserta, al termine di indagini, hanno sottoposto a fermo il presunto stupratore, Sali Ibrai, 31 anni, bloccato in piazza Carlo III, di fronte all’ingresso principale della Reggia. Dalle indagini eseguite dai carabinieri del nucleo radiomobile è emerso che la ragazza sarebbe stata «venduta» per 10 euro dal compagno, un altro rumeno residente a Reggio Emilia ma domiciliato a Caserta. I due stranieri, insieme alla vittima, si incontrarono proprio a piazza Carlo III, che la sera, complice la scarsa illuminazione, spesso diventa anche teatro di furti e rapine. La ragazza ha raccontato ai carabinieri di avere visto il compagno mentre riceveva dieci euro da Sali per poi allontanarsi «a comprare le patatine»; a quel punto è stata aggredita, buttata sul prato e violentata. Nessun ha udito le sue urla. Dopo aver consumato lo stupro, il 31enne è fuggito. La ragazza, invece, si è recata in ospedale dove i medici le hanno diagnosticato un «trauma escoriatico genitale, un trauma alla spalla destra e depressione reattiva». Il romeno è stato chiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Ti potrebbero interessare anche:

CINEMA/ Sophia, Brigitte e Shirley, 80 anni di fascino
VATICANO/Milioni di finte donazioni, arresto per mons Scarano
Palermo, consigliere comunale in manette. E' ambasciatore dei boss? Estorsioni, 27 arresti
COMUNALI/ Gela, "Noi con Salvini" candida ex attivista M5S
LEGNANO/ Operazione Goldfinger, undici arresti
Bullismo: "pet therapy" in classe per prevenire violenze



wordpress stat