| categoria: spettacoli & gossip

NOZZE CLOONEY/ Amal a Venezia chic come Jackie

Amal come Jackie, cinquant’anni dopo. L’avvocatessa di origini libanesi fidanzata di George Clooney è arrivata a Venezia e ha quasi rubato la scena al prossimo marito, incarnando il mito della signora Kennedy. Se nelle scorse ore era stata avvistata all’aeroporto di Milano con una mise sportiva e sbarazzina, jeans e scarpe da ginnastica, oggi ha sfoderato tutto il suo fascino con un look anni ’50: abito longuette a intarsi bianco-neri, grandi occhialoni, neri come i lunghi capelli sciolti, e scarpette decolletè a punta. Dopo i tanti depistaggi, le voci fatte circolare ad arte per confondere i curiosi, George Clooney e la fidanzata si sono materializzati al Tronchetto, terminal automobilistico di Venezia, preceduti da un furgone che ha scaricato il voluminoso bagaglio della coppia, compreso un porta-abito griffato Giorgio Armani con all’interno il vestito che lo sposo indosserà lunedì mattina per il matrimonio a Cà Farsetti, sede del Comune. Niente è stato lasciato al caso, compreso il nome del taxi acqueo numero 256 guidato dal fedelissimo Sandro Greco, l’uomo-ombra dell’attore a ogni Mostra del Cinema, già testimone della liaison con Elisabetta Canalis, su cui i due sono saliti, ribattezzato ‘Amorè; o la cappelliera bianca della futura signora Clooney, su cui c’era scritto un ammiccante ‘Venezià. Quasi un modo di scusarsi per lo scompiglio che l’evento sta già creando in laguna. Per gestire il matrimonio dell’anno il Comune ha infatti emesso un’ordinanza per interdire lunedì mattina il passaggio, sia via terra che sull’acqua, di persone e barche davanti al palazzo municipale che ospiterà il blindatissimo matrimonio civile, ‘benedettò da Walter Veltroni. Per Amal, tra i cento legali più influenti del globo, un solo momento in cui il mito della signora Kennedy è sembrato sfumare nella più prosaica favola di Cenerentola. Quando la promessa sposa, che in taxi si era liberata delle scarpette dal tacco altissimo, si è presentata al pontile dell’hotel Cipriani con una calzatura in mano. Non prima di essersi concessa con l’ormai prossimo ex scapolo d’oro un giro in Canal Grande, e foto da cartolina davanti San Marco. Dalle maglie strettissime dei «non so» e «non posso parlare» che addetti ai lavori, camerieri e tassisti ripetono meccanicamente, pena il pagamento di una penale salatissima, filtrano le prime conferme tra i cento arrivi previsti. Quello di Matt Damon e signora sbarcati indisturbati nel piccolo aeroporto del Lido di Venezia, di Cindy Crawford e del marito Rande Gerber, arrivati con lo stesso pullmino di Amal e George, o di Anna Wintour, direttrice di Vogue, arrivata in serata. Unica certezza rimane la tequila Casamigos, prodotta dall’attore e dall’amico Gerber, che scorrerà a fiumi stasera per la festa annunciata al Cipriani. La promessa sposa farà poi rientro nel lussuosissimo hotel Aman, unico sette stelle in città, dove ha preso alloggio con la famiglia e in cui domani sera, a partire dalle 18, si replicherà il ricevimento per tutti gli invitati. Qualche malizioso si chiede se stasera, rompendo la tradizione che vuole i promessi sposi separati nelle ore precedenti il sì, il divino Clooney seguirà l’esempio del conterraneo di Amal, il poeta lord Byron, per raggiungere a nuoto lungo il Canal Grande, con il favore delle tenebre, il letto della sua amata.

Ti potrebbero interessare anche:

A Roma la prima edizione del Music Summer Festival, l'alternativa del Festivalbar
Un curioso stalker nella vita di Jennifer Lopez?
Scherzi a Parte torna con Bonolis: con lui anche Le Iene
TV/ 'Don Matteo' trasferito a da Gubbio a Spoleto, regione Umbria: 'Evitiamo polemiche'
Fedez grida alla censura: "Il governo ha messo fuorilegge il mio album"
Othelloman, la voce rap contro la mafia: parlo ai giovani con la musica per trasmettere la legalità ...



wordpress stat