| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Belviso lascia Alfano e fonda un suo partito: “Altra Destra”

«Lascio l’incarico di capogruppo Ncd a Roma Capitale, la possibilità di incarichi nel partito a livello nazionale, che mi erano stati offerti, lascio Ncd». Lo ha annunciato Sveva Belviso, fino a oggi capogruppo del Nuovo Centrodestra in Assemblea capitolina ed ex vicesindaco di Roma nella giunta Alemanno dal 2011 al 2013, in una conferenza stampa all’hotel Nazionale a piazza Montecitorio. La stessa Belviso ha poi presentato il suo nuovo progetto politico: «Oggi comincia un’altra storia, oggi nasce ‘Altra Destrà. Un partito, a livello nazionale, che nasce per dar voce a milioni di cittadini traditi dalla destra tradizionale, una destra che crede di esistere e già non esiste più».«Noi vogliamo fare una rivoluzione della normalità, tante migliaia di persone comuni per bene, che scendono in campo per dare il loro meglio e provare a dare una mano a questo Paese», ha precisato Belviso, dando appuntamento al 18 ottobre per il primo evento pubblico di «Altra Destra», ricordando poi che in Assemblea capitolina andrà a far parte del gruppo misto. Per il Consiglio della Città metropolitana, invece, «anche se non è ben chiara la motivazione del voto e se ne poteva fare a meno – ha sottolineato – voterò un giovane meritevole, a prescindere dal suo colore politico». Il nuovo partito sarà «nazionale, e il primo appuntamento elettorale sarà appunto quello delle elezioni nazionali. Le prepareremo con entusiasmo e tanta gente». Spiegando i motivi della sua scelta l’ex vicesindaco ha accusato «i leader nazionali, che avrebbero dovuto portarci al successo e si sono soffermati in litigi personali, lotte, con l’unico obiettivo del mantenimento del potere». «Questi sono stati mesi difficili, di sofferenza: – ha proseguito – ho sofferto io, come soffrono ogni giorno migliaia di elettori dell’ex Pdl nel vedere quello che fu un grande schieramento, ridotto nelle tragiche condizioni in cui siamo. 8 milioni di voti spariti in 5 anni non è una crisi ma una strage, non è più sufficiente una riflessione, un dibattito, qualche posto in un cda, qui c’è bisogno di una rivoluzione. Hanno promesso una rivoluzione liberale, hanno lasciato un Paese più dirigista, più povero di prima. Hanno gonfiato la burocrazia, tassando invece di tassare. È stato un atteggiamento non liberale e liberista, ma socialista. Hanno tradito la fiducia degli elettori nel progetto del 1994, milioni di giovani, donne, uomini, che se ne sono andati, e hanno fatto bene». Belviso ha infine spiegato il significato del nuovo logo bianco, rosso e blu: «Ha la parola ‘destrà spostata visibilmente sulla destra, Alfano ha avuto paura, adesso ci pensiamo noi, il rosso è quello della passione, la banda bianca è l’inizio di un sorriso, che noi vogliamo completare e donare agli italiani».

Ti potrebbero interessare anche:

Inaugurata la fontana del Tritone dopo il restauro
Emergenza Latina, chi valuta il manager della Asl?
USA/ Connecticut, vietato vendere armi a chi è inserito nella "no fly list"
Indagato il deputato Luigi Cesaro (Fi), minacce a pubblico ufficiale
Guerra ai bus turistici: fermati 20 pullman irregolari nel centro storico
Spago stretto intorno al collo: bimba di 3 anni in coma



wordpress stat