| categoria: In breve, Senza categoria

In Thailandia la legge marziale diventa esca per i turisti

La Thailandia intende promuovere la legge marziale – in vigore dallo scorso 20 maggio, due giorni prima del golpe – come una delle attrazioni turistiche del Paese, in quanto portatrice di sicurezza anche per gli stranieri in visita. Lo ha dichiarato Thawatchai Arunyik, governatore della «Autorità per il turismo della Thailandia» (Tat). «La Tat sta preparando una campagna chiamata ’24 Hours Enjoy Thailand’ (‘Goditi la Thailandia 24 ore su 24’) per invitare i turisti stranieri a visitare la Thailandia sotto la legge marziale», ha detto Thawatchai in un’intervista al quotidiano Thai Rath. «Vogliamo che i turisti siano fiduciosi di poter viaggiare in sicurezza in Thailandia giorno e notte», ha aggiunto. In seguito a sette mesi di proteste anti-governative, ma anche dopo il colpo di stato che ha portato al potere il generale Prayuth Chan-ocha, la Thailandia ha subito un calo dell’11 per cento negli arrivi turistici, interrompendo una crescita che aveva portato l’anno scorso a un picco record di 26,5 milioni di turisti. Un serio problema per il nuovo governo, dato che il 10 per cento del Pil nazionale dipende dal turismo e anche il resto dell’economia quest’anno è rimasto stagnante. La legge marziale è stata utilizzata per stroncare sul nascere qualsiasi forma di dissenso verso il governo militare, con centinaia di arresti. Nonostante le critiche della comunità internazionale, Prayuth – che ha accentrato su di sè tutti i poteri – ha fatto capire di non avere nessuna fretta di revocare il provvedimento finchè non avrà completato un processo di riforme non ancora specificato nel dettaglio. La legge marziale non ha però avuto alcun effetto negli episodi di violenza che coinvolgono turisti, segnalati in crescita in particolare nelle località più battute dagli stranieri. Nelle ultime settimane, ha sollevato particolare scalpore l’efferato omicidio di due giovani britannici sull’isola di Koh Tao. Sotto la pressione dei media nazionali e internazionali, la polizia ha arrestato due birmani, ma è ora accusata di aver estorto loro una falsa confessione per mezzo di torture.

Ti potrebbero interessare anche:

Senato Usa e controllo sulla vendita di armi: vicini ad un accordo bipartisan
CIVITAVECCHIA/Emissione di fumi in porto, alta attenzione della Guardia Costiera
Renzi sveglia, quel ragazzo ucciso è un problema tuo
GENOVA/ Sette fendenti per uccidere la moglie, l'arma lasciata nel petto
USA/ Multa da tre milioni di dollari ad armatore italiano per inquinamento
ROMA/ Pusher muore in commissariato dopo la lotta con gli agenti



wordpress stat